Quantcast
facebook rss

Assistenza in forma domiciliare,
interviene Italia Viva

SAN BENEDETTO - La coordinatrice Katiuscia Chiappini: «Grave che il Comune non abbia ancora attivato il servizio per le persone con disabilità e le loro famiglie»
...

«Dopo la chiusura dei Centri diurni ormai da molti mesi a causa del Covid e la loro parziale e lenta riapertura, chiediamo all’Amministrazione comunale di San Benedetto se le persone con disabilità e le loro famiglie abbiano un sostegno o alternative adeguate a gravi disagi e sacrifici prodotti da mesi di isolamento, o se invece pesi ancora tutto sulle loro spalle».

Il Comune di San Benedetto

La domanda arriva da Katiuscia Chiappini, coordinatrice comunale di Italia Viva. «Riceviamo preoccupate segnalazioni in questo senso e riteniamo gravissimo che ad oggi il Comune non abbia ancora attivato il servizio di assistenza in forma domiciliare a supporto delle funzioni genitoriali e dei bisogni delle famiglie per tutti gli utenti che ne necessitano e non solo per quelli con situazioni più gravi. Ognuno di loro – aggiunge – ha comunque bisogno di continuità terapeutica e di costante attenzione, pena regressione che comporta complicazioni, ulteriore disagio e ripercussioni sul nucleo familiare nonché costi a carico delle famiglie. Famiglie che il virus ha catapultato in un doppio dramma, in un’emergenza nell’emergenza. Nessuna di loro – conclude la Chiappini – a prescindere dal grado di difficoltà in cui versa il disabile deve essere abbandonata e lasciata sola un giorno di più. L’Amministrazione si attivi ora, subito».

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X