Quantcast
facebook rss

Monte Piselli, presentato ricorso
al Consiglio di Stato
Vandali danneggiano la stazione della seggiovia

ASCOLI - La telenovela della gestione della stazione sciistica di Monte Piselli avrà un ulteriore atto giurisdizionale. Si rischiano tempi lunghi. Contenzioso infinito. Cotuge subito al lavoro per garantire il decoro degli impianti. Danni ingenti, presentata denuncia ai Carabinieri
...

La stazione di partenza della seggiovia è stata danneggiata

di Franco De Marco

La telenovela della gestione della stazione sciistica di Monte Piselli avrà un ulteriore atto giurisdizionale. La Finori Srl ha infatti presentato il ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza emessa dal Tar dell’Aquila, nell’aprile scorso, che ha annullato l’affidamento della gestione – attraverso il bando pubblico – alla Finori Srl accogliendo il ricorso della Remigio Group giunta seconda con minimo scarto. Secondo il Tar la Finori Srl è risultata inadempiente non avendo presentato il piano economico e finanziario e pertanto è stata esclusa.

Anche la stagione sciistica 2019-2020, comunque, anche volendo, non si è potuta svolgere a causa della mancanza di neve, le vicenda della gara continua a tenere banco. Il ricorso al Consiglio Stato rischia di provocare ulteriori lungaggini.

Evidentemente la Finori Srl, che fa capo a Marco Finori, ritiene che il Tar non abbia valutato bene le carte e che l’aggiudicazione della gestione era regolare. C’è solo da augurarsi che il giudizio avvenga al più presto ma i tempi del Consiglio di Stato non sono certo rapidi. Riusciranno gli impianti sciistici, neve permettendo, e al di là di chi ha torto o ha ragione,  a funzionare almeno nella prossima stagione invernale?

Enzo Lori

VANDALI IN AZIONE – Ma per la stazione sciistica di Monte Piselli non c’è pace nemmeno su un altro fronte. I vandali hanno infatti danneggiato la stazione di partenza della seggiovia, che non è in funzione, con un danno stimato tra 6 e 8.000 euro. In particolare i vandali  hanno divelto un palo di ferro e la rete protezione di prtezione. Comprensibile il disappunto degli amministratori del Cotuge a cominciare dal presidente del Consiglio di Amministrazione Enzo Lori. Chi è stato? E’ stata presentata la denuncia ai Carabinieri.

«Di sicuro – commenta Enzo Lori – non si è trattato di un cedimento naturale come dimostrato dalla documentazione tecnica che abbiamo acquisito. Si è trattato di un atto esterno. Sabotaggio? Atto vandalico? Incidente? Comunque stiamo procedendo a ripristinare la situazione e garantire il decoro della stazione».

Non è da escludere, tra le ipotesi, che il danneggiamento sia stato provocato dalla folle manovra di un Suv condotto da qualcuno in stato di ebbrezza. Anche perché in passato si sarebbe registrato un episodio simile. Di sicuro c’è qualcuno che si diverte danneggiando le strutture pubbliche approfittando della chiusura dell’impianto e anche della mancanza di vigilanza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X