facebook rss

San Benedetto Film Fest, si parte
Premio alla memoria
a Flavio Bucci

SAN BENEDETTO - Proiezioni alla Palazzina Azzurra. Ci sono il corto del regista Aitor De Miguel “Eco” e il thriller firmato da Giuseppe Di Giorgio “Stem Cell”. A Ugo Pagliai il fregio alla carriera

E’ arrivato ai dettagli il gran debutto del San Benedetto Film Fest con la prima serata di proiezioni in programma alla Palazzina Azzurra domenica 9 agosto a partire dalle 21,30. Accesso consentito al pubblico dalle 20 alle 21,15 previa prenotazione dei 70 posti a sedere disponibili sul sito sanbenedettofilmfest.it.

Un’immagine di “Eco”

Si parte con un cortometraggio targato Spagna ma che parla dello spazio con una trama, distesa su 14 minuti, un po’ vecchio stile, ma sempre attuale ed entusiasmante col tema centrale della ricerca da parte dell’uomo di vita extraterrestre. Il titolo del corto è “Eco” ed è firmato da Aitor De Miguel, alla sua nona opera per il grande schermo.

Alle 22 il programma prevede poi un thriller italiano firmato da Giuseppe Di Giorgio, che compare anche come attore nella pellicola. “Stem Cell”, questo il titolo, porta il genere thriller a contatto con il mondo della ricerca medica con una trama che mette insieme tensione, suspense e una serie di camici bianchi uccisi da un misterioso serial killer.

A Flavio Bucci il Premio alla Memoria

Il San Benedetto Film Fest, da quest’anno disponibile anche in streaming sul sito ufficiale e sul canale Facebook, prevede 5 serate di proiezioni e una serata finale, quella del 14 agosto, dedicata alle premiazioni. Ecco alcune di esse:

Premio alla Carriera a Ugo Pagliai in “An ancient manuscript” (regia di Silvia Monga), figura di grande rilievo nel contesto cinematografico, televisivo e teatrale a cui ha donato interpretazioni cariche di umanità, estro e pathos, mostrando doti di notevole duttilità artistica e plasticità interpretativa.

Premio alla Memoria a Flavio Bucci in “Leo e il mare” di Francesco Lama, figura di pregevole spessore artistico con alle spalle uno dei più grandi successi televisivi italiani di tutti i tempi, il “Ligabue”, diretto da Salvatore Nocita, nel 1977 con la sua memorabile, mimetica e prodigiosa interpretazione del pittore, divenendone, di fatto, l’alter ego vivente.

“Stem Cell”

Premio alla Memoria a Lea Garofalo, ispiratrice del cortometraggio “Scena Madre”, di Giuseppe Zampella, testimone di giustizia, trucidata dalla ‘Ndrangheta, a Milano, il 24 novembre 2009. Una donna straordinaria e coraggiosa che ha pagato con la vita la sua determinazione e il desiderio di offrire a se stessa e alla figlia un futuro di legalità. Madre e servitrice di uno Stato in cui ha sempre creduto fino alla fine.

Premio alla Socialità a Edoardo Mecca, versatile, trainante e non convenzionale attore e youtuber che ha saputo contestualizzare in “Speech to Humanity” di Matteo Maggi), rivisitazione del “Discorso all’Umanità” di Charlie Chaplin, un intenso, emozionalmente esaltante messaggio (da un’idea di Giulia Privitera) oltre che di speranza, di incentivazione al pensiero critico e ad un risveglio delle identità individuali e collettive


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X