facebook rss

Cattivi odori in vallata,
l’appello dei residenti:
«Situazione al limite»

ASCOLI - L'ennesima denuncia del comitato "Aria pulita" e la lettera dei residenti di Villa Sant'Antonio: «Siamo oltre l'umana sopportazione, di recente si sono avuti episodi di bruciore agli occhi e mal di testa». La missiva inviata al prefetto e al sindaco Fioravanti

Situazione invivibile. Ormai da anni. E dopo processi, petizioni, proteste in strada e lettere, arriva l’ennesimo appello del residenti di Villa Sant’Antonio, rappresentato dal comitato “Aria pulita“, frazione a due passi da Castel di Lama ma facente parte del comune di Ascoli.

Lo striscione parla chiaro

Non a caso oltre al prefetto Rita Stentella, destinatario dell’appello è anche il sindaco di Ascoli, Marco Fioravanti.

«Continuiamo a vivere in condizioni inaccettabili e insalubri a causa degli odori nauseabondi fortissimi che vengono dal depuratore consortile -spiegano i residenti-. Quest’anno, dopo una lunga serie di giornate segnate da aria irrespirabile, la situazione è precipitata tra il 18 ed il 19 agosto quando la puzza ha raggiunto un picco che va oltre l’umana sopportazione: si è sentita fortissima fino alla rotonda per Offida e ha impregnato a lungo l’aria delle abitazioni. Si sono avuti episodi di bruciore agli occhi e mal di testa».

«Chiediamo che le autorità preposte alla tutela della salute si attivino presso Arpam e Asur al fine di risolvere una situazione non più sopportabile» è la conclusione del comitato.

Miasmi nauseabondi a Villa Sant’Antonio, 210 residenti si costituiscono parte civile

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X