facebook rss

Ernesto Rozzi fa 80
e riunisce i vecchi
colleghi dell’Umberto I

ASCOLI - L'ex collaboratore scolastico dell'Istituto commerciale e per geometri da quando andò in pensione è sempre rimasto in contatto con i sui amici Renato Fabiani e l'ex preside Francesco Andreani. E ha voluto festeggiare l'evento insieme a loro con una reunion

Renato Fabiani, Ernesto Rozzi, l’ex preside dell’Itcg “Umberto I” Francesco Andreani

di Walter Luzi

La festa per le prime ottanta primavere di Ernesto Rozzi riunisce tre vecchi colleghi di lavoro che all’Istituto Commerciale e per Geometri “Umberto I” di Ascoli hanno segnato un epoca. Ernesto Rozzi, Francesco Andreani e Renato Fabiani in quella scuola, in tre, ci hanno passato settant’anni.

Il neo ottantenne Ernesto, ex cantoniere di Pescara di Arquata, vi entrò nel 1976 come collaboratore scolastico, ed è stato il primo del terzetto ad andare in  pensione nel 1996.

Cinque anni dopo Rozzi, nel 1981, arriva al vecchio Istituto “Umberto I” nella centralissima via delle Torri, un nuovo collega, Renato Fabiani, che ci resterà, con le medesime mansioni, fino al 2005. Diventano subito amici.

Nel 1985 al vertice dell’Istituto arriva anche il nuovo preside, Francesco Andreani. Franco per gli amici, come diventeranno presto per lui, ad di là dei ruoli gerarchici, Renato ed Ernesto. Nel 2005 anche Franco si metterà a riposo, ma i tre resteranno sempre in contatto.

Sabato, al “Capitan Giacomo” di Villa Pigna, in occasione, come detto della festa per gli 80 anni di Rozzi, c’è stata, finalmente, la reunion. Una festa a sorpresa molto gradita da tutti, organizzata per Ernesto dalla moglie Luisa  e i suoi tre figli, Antonella, Guido e Livio.

Una bella giornata di nostalgico amarcord per i tre amici e le rispettive consorti, piena di tanti ricordi in quella scuola dove hanno condiviso, gomito a gomito, undici, bellissimi anni della loro attività lavorativa. E vissuto una grande amicizia durata per sempre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X