facebook rss

Al Neroni, si apre con due “operine tascabili”
per chiudere con il Quartetto di Fiesole

ASCOLI -"Nuovi Spazi Musicali", il festival curato dalla compositrice Ada Gentile è giunto alla 41esima edizione. Melologo con nuove opere scritte su testi di autori ascolani e non da sette compositori reduci dall’apposito “Laboratorio di composizione” tenutosi presso l’Istituto Musicale “Gaspare Spontini”. Ingresso libero, prenotazione obbligatoria

Domenico Turi e Cosimo Colazzo

Torna ad Ascoli, da martedì 6 ottobre, la musica dal vivo, merce rara in tempi di Coronavirus, con la 41esima edizione del Festival di musica d’oggi “Nuovi Spazi Musicali” curato dalla compositrice Ada Gentile.

La manifestazione è stata presentata questa mattina all’Arengo dal direttore artistico Ada Gentile, dall’assessore comunale alla cultura Donatella Ferretti e dalla coordinatrice dell’Istituto Musicale “Gaspare Sponini” Maria Puca.

La rassegna si articola in 4 concerti che si tengono il 6, il 9, il 13 ed il 20 ottobre, inizio alle 20,30, nell’auditorium “Emidio Neroni” della Fondazione Carisap (in Rua del Cassero). Purtroppo si è dovuto annullare, causa problematiche legate alla pandemia, il concerto previsto per il 16 con il pianista greco Grigoris Ioannou.

Il concerto di apertura, come sempre, è dedicato a due nuove “operine tascabili” (così dette perché di breve durata e con pochi interpreti) commissionate per l’occasione al compositore Cosimo Colazzo (Rovereto) ed a Domenico Turi (Roma).

L’esecuzione della operina di quest’ultimo, “Non è un paese per veggy-luten free”, testo di Federico Capitoni, è affidata allo stesso Turi, al pianoforte, con il tenore Gianluca Bocchino mentre l’esecuzione dell’altra operina, “La locandiera, Musicape e il giovin signore”, testo di Giuliana Adamo, è affidata all’Ensemble in residence del Festival formato da quattro eccellenti musicisti: la pianista Sabrina Gentili, il soprano Annalisa Di Ciccio, il basso Stefano Stella e l’attrice Pamela Olivieri. Introduce Pierpaolo Salvucci.

Il secondo concerto è dedicato al melologo “Fili (in) visibili”, genere musicale in voga nell’800 che coniugava musica e poesia, con nuove opere scritte su testi di autori ascolani e non da sette compositori reduci dall’apposito “Laboratorio di composizione” tenutosi presso l’Istituto Musicale “Gaspare Spontini” di Ascoli ed eseguite da altrettanti giovani del territorio.

Musiche di Sanna, Paolucci, Di Rocco, Forlini, Pasqualucci, Parissi, Boccio e Vacca. Esecutori L. Forlini e E. Jade Grelli pianoforte, G. Boccio violoncello, G. Di Biase sax, F. Albertini  clarinetto, L. Poli clarinetto basso, R. Sanna bayan, M. Baiocchi e V. Rossini flauto. Letture di Monica Salinelli e Francesco Albertini. Introduce Ivana Manni.

Il terzo appuntamento vede in scena il “Krakow Duo”, formato dal pianista Marek Szlezer e dal violoncellista Jan Kalinowski, che propone all’ascolto opere di autori polacchi (Chopin, Lutoslawski, Widlak, Chyrzynski) insieme ad un’opera in prima assoluta del compositore triestino Corrado Rojac. Partecipa il prof. Stefano Papetti. Videoproiezioni di Eleonora Tassoni.

Gran finale, il 20 ottobre, con il prestigioso “Quartetto di Fiesolein un concerto dedicato al maestro Piero Farulli, indimenticabile fondatore della Scuola di Fiesole, nel centenario della sua nascita. In questa serata vengono eseguiti brani di Webern, Shostacovich, Malipiero e Gentile. Il quartetto  composto da Alina Company e Simone Ferrari violini, Flaminia Zanelli viola e Sandra Bacci violoncello. Letture di Donatella Ferretti. Introduce Francesca Filauri.

Il Festival, che ha ottenuto anche quest’anno la “Medaglia del Presidente della Repubblica”, è stato realizzato con il contributo del Comune di Ascoli Piceno, della Regione Marche e della Fondazione Carisap di Ascoli Piceno.

L’ingresso, nel rispetto delle prescrizioni anti Covid 19,  è libero ma con  mascherina e prenotazione obbligatoria al numero 349560756, dalle 10 alle 13, da lunedì a sabato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X