facebook rss

Salute della popolazione,
il camper sanitario a Force:
farà anche i tamponi

FORCE - Il Consorzio "Il Picchio" inaugura il nuovo percorso "Assistenza 4.0". Ogni venerdì sarà in piazza Egidi per erogare prestazioni sanitarie sul territorio. Visite, elettrocardiogrammi e servizio analisi con un'infermiera e due medici. Può raggiungere tutti i Comuni del cratere che ne faranno richiesta
Il camper sanitario di “Assistenza 4.0” approda a Force. Ogni venerdì, dalle ore 9 alle 13, sarà in piazza Egidi con un’infermiera e due medici specialisti per effettuare visite, elettrocardiogrammi, servizio analisi e prelevamento per i tamponi Covid.

Si tratta di un progetto di prevenzione della salute e cura della popolazione anziana a domicilio finanziato dalle Regione Marche e realizzato dalle cooperative “Stella Polare”, “Il Legame” e “Il Melograno”che aderiscono al Consorzio “Il Picchio”, in collaborazione con Omnibus Salute.

Dalle ore 9 alle 10, presente anche il sindaco Augusto Curti, la presentazione del progetto con i due medici Ettore Pala e Stefano Volpe, quindi fino alle 13 la popolazione potrà accedere a tutti i servizi erogabili dal camper mobile: diagnostica di base e prestazioni infermieristiche: misurazione parametri vitali, stick glicemici, medicazioni, bendaggi semplici, tamponi Covid.

Il servizio agevolerà anche i percorsi di cura integrati tra ospedali e territorio, visto che l’unità mobile sanitaria è dotata di strumenti di diagnostica di base messi in rete con la teleassistenza.

«Il progetto “Assistenza 4.0” diventa strategico nel momento storico che tutti stiamo vivendo – dice Domenico Panichi, presidente del Consorzio “Il Picchio” – durante il quale si è compreso quanto l’erogazione di servizi sul territorio sia fondamentale per garantire il diritto alla salute».

E’ possibile accedere al servizio anche tramite la segnalazione del proprio medico di base. E, su richiesta delle aziende, il camper può fare visite o servizio di prelevamento tamponi sui luoghi di lavoro.

Il sindaco Augusto Curti: «Inauguriamo un progetto pilota di assistenza domiciliare attraverso il Camper Sanitario che erogherà prestazioni di primo livello e ci permetterà di raggiugere le fasce deboli, decongestionare gli ospedali e codificare un sistema che potrà essere esteso, in un prossimo futuro, all’intera area montana in regime convenzionato col sistema sanitario nazionale».

Il camper sanitario è pronto e attrezzato per raggiungere tutti i Comuni del cratere che ne faranno richiesta, nei tempi e nei modi che più si adatteranno alle esigenze del territorio, secondo i criteri di accessibilità, flessibilità, personalizzazione, inclusività e integrazione, che sono proprio le parole chiave di un progetto finalizzato a migliorare il benessere della vita della popolazione residente nei territori colpiti dal sisma.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X