facebook rss

Filofest, Molinari racconta
“Le case che siamo”

ASCOLI - Giovedì 15 ottobre in streaming il nuovo appuntamento col festival organizzato da Wega e Rinascita. L'abitazione-mondo è diventata l'esperienza abitativa di miliardi di persone, prendendo il sopravvento sullo spazio pubblico

Nuovo appuntamento per il festival di cultura, filosofia e relazione Filofest, organizzato da Wega in collaborazione con la libreria Rinascita. Giovedì 15 ottobre alle 18 sarà la volta di Luca Molinari, critico, curatore docente ordinario di teoria e progettazione dell’architettura presso la seconda università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli”.

Luca Molinari

In collegamento streaming sulle pagine facebook di Wega e Rinascita presenterà il libro “Le case che siamo”.

Con l’emergenza Covid-19 la casa-mondo è diventata l’esperienza abitativa di miliardi di persone, prendendo il sopravvento sullo spazio pubblico. Che sfide inaugura, per l’architettura e l’urbanistica, questo brusco ritorno al passato? Come rilanciare nuovi modelli futuri?

Molinari risponde indicando le soglie che oggi più che mai abitiamo con nostalgia e coraggio: le finestre, i balconi, le porte che fino ad ora sono rimaste la scena fissa del nostro sguardo sul mondo esterno e possono essere lo spazio di partenza per un nuovo progetto urbano ed esistenziale.

Partendo dal racconto di una casa vera e arrivando allo spazio, anche politico, da abitare e da ridiscutere, Molinari racconta che tipo di casa siamo e siamo stati e che casa dovremmo o potremmo essere.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X