facebook rss

L’Afi della Riviera tende la mano
ai Comuni montani terremotati:
arriva il “bonus bebè”

GROTTAMMARE - La domanda può essere presentata dai residenti di Arquata, Montemonaco e Montegallo dalle famiglie con bambini nati nell’arco temporale che va dal 23 settembre 2019 al 30 settembre 2020. La presidente Amici: «Un piccolo segno di speranza che unisce la Riviera alla montagna». Ecco come partecipare

Dalla Riviera un bando a sostegno dei Comuni terremotati e della vita. Il presidente dell’Afi (Associazione Famiglia Impresa) di Grottammare, Anna Amici, ha reso noto il bando “Bonus bebè”, previsto per i residenti di alcuni paesi terremotati dell’interno del Piceno.

Il bonus che sarà pari a 2.000 euro, verrà erogato nell’arco di dodici mesi.

La presidente Afi Anna Amici

La domanda per l’assegnazione del bonus può essere presentata dai residenti nei Comuni di Arquata del Tronto, Montemonaco e Montegallo e rivolta alle famiglie con bambini nati nell’arco temporale che va dal 23 settembre 2019 al 30 settembre 2020.

Per presentare la domanda sarà necessario allegare il modello Isee 2020. La richiesta va inoltrata, indicando nome e cognome, codice fiscale, luogo e data di nascita, numero di cellulare, via mail a afifamigliaimpresa@gmail.com oppure tramite messaggio whatsapp al numero 339.8262252 o telefonando al numero 339.8262252 dalle ore 15 alle 18 dal lunedì al venerdì.

Le richieste andranno a comporre una graduatoria che terrà conto del livello di reddito Isee e, in caso di parità, dell’ordine cronologico di presentazione della richiesta di partecipazione al bando.

Verranno accolte le tre domande con Isee più basso. Il direttivo stilerà una graduatoria a proprio insindacabile e inappellabile giudizio.

I fondi sono stanziati dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, in collaborazione con “Timbro Express” e “MO Studio Estetica Avanzata”.

La presidente Amici dichiara: «Abbiamo voluto dare un sostegno concreto alle giovani coppie che hanno deciso di restare nei territori colpiti dal sisma e aiutarle, per quanto possibile, nel sostegno alla vita nascente.

Un piccolo segno di speranza che unisce la Riviera alla montagna».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X