Quantcast
facebook rss

Borsa di studio
e donazione di sangue,
al via la seconda edizione

MONTEPRANDONE - Il contest ideato dall'Avis e dalla fondazione “Rosa Maria Novelli e Carlo Sgariglia" per i ragazzi delle scuole superiori. Il regolamento
...

Al via la seconda edizione del contest che premia il merito e la solidarietà dei giovani del territorio, ideato dall’Avis locale e dalla Fondazione “Rosa Maria Novelli e Carlo Sgariglia” e patrocinato dal Comune.

Per poter partecipare basta iscriversi all’Avis Comunale, frequentare l’ultimo anno di un istituto di istruzione superiore ed essere residenti nel Comune di Monteprandone.

Le borse di studio ammontano ad un valore di 1.500 euro così ripartite: 1° classificato 750 euro, 2° classificato 500 euro, 3° classificato 250 euro.

La graduatoria terrà conto del voto conseguito durante l’esame di maturità e del numero di donazioni di sangue e plasma effettuate dal 1 gennaio 2020 al 31 agosto 2021.

Tutti i diciottenni di Monteprandone e Centobuchi riceveranno un invito a diventare donatori di sangue e valutare l’opportunità di partecipare al contest.

Il direttivo Avis ha predisposto un modulo di iscrizione online scaricabile dal sito www.monteprandone.avismarche.it
Una volta compilato in tutte le sue parti, il modulo potrà essere inviato via mail all’indirizzo monteprandone.comunale@avis.it allegando un documento d’identità ed il codice fiscale.

Successivamente, i dati dell’aspirante donatore saranno comunicati al centro trasfusionale di San Benedetto che provvederà a convocare il giovane per l’effettuazione degli esami di idoneità. Una volta risultato idoneo, l’aspirante potrà fare la prima donazione ed iscriversi al contest.

Per avere maggiori informazioni è possibile rivolgersi presso la sede di piazza dell’Unità oppure al numero 328.4150135 o in alternativa consultare le pagine Facebook e Instagram “Avis Monteprandone”.

L’Avis ricorda che nonostante le restrizioni dovute al Covid-19 e alle limitazioni introdotte dal 6 novembre, la donazione di sangue rientra tra le “situazioni di necessità” per le quali è consentito spostarsi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X