facebook rss

Ad Ancona la Notte dei ricercatori:
Sharper sarà completamente online

ATENEO - L’iniziativa affronta il tema del rapporto tra ricercatori e le sfide dei Sustainable Development Goals, tra le quali il diritto alla salute e a una educazione di qualità per tutti. Il rettore Gregori: «Quotidianamente impegnati per ridare centralità alle competenze»

sharper_ancona_univpm

Un esperimento fatto durante la passata edizione di Sharper

Per il settimo anno consecutivo Ancona ospiterà la Notte Europea dei Ricercatori, venerdì 27 novembre, in contemporanea in tutta Europa. I ricercatori dell’Università Politecnica delle Marche sono pronti a partecipare. La manifestazione che negli anni scorsi ha popolato le piazze centrali della città, a causa dell’emergenza Covid-19, quest’anno si svolgerà online, con diversi appuntamenti da seguire sui canali social dell’Univpm. Il programma è disponibile al seguente link: www.sharper-night.it/sharper-ancona

«Sharper è il risultato di una strategia che premia la collaborazione tra università enti pubblici e privati che mettono al centro la ricerca e il lavoro dei ricercatori – afferma il rettore dell’Univpm Gian Luca Gregori – oggi più che mai indispensabili. Il nostro Ateneo e i suoi ricercatori sono impegnati quotidianamente per affrontare le sfide del presente e per ridare centralità alle competenze».

gianluca_grgori_rettore_univpm

Gianluca Gregori, rettore Univpm

Un appuntamento che ha l’obiettivo di coinvolgere tutti i cittadini nella scoperta del mestiere di ricercatore e del ruolo che i ricercatori svolgono nel costruire il futuro della società attraverso l’indagine del mondo basata sui fatti, le osservazioni e l’abilità nell’adattarsi e interpretare contesti sociali e culturali sempre più complessi e in continua evoluzione.

Per l’edizione 2020 l’iniziativa affronta il tema del rapporto tra ricercatori e le sfide dei Sustainable Development Goals, tra le quali il diritto alla salute e a una educazione di qualità per tutti, temi ancor più attuali nell’emergenza della pandemia.

Sharper è il nome di uno dei 7 progetti italiani sostenuti dalla Commissione Europea per la realizzazione della Notte Europea dei Ricercatori nel 2020 e significa Sharing Researchers’ Passions for Evidences and Resilience. Sharper è coordinato dalla società di comunicazione scientifica Psiquadro, in collaborazione con un consorzio che comprende l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Infn, il centro della scienza Immaginario Scientifico, l’associazione Observa Science in Society e sei Università: l’Università Politecnica della Marche, l’Università di Cagliari, l’Università di Catania, l’Università di Palermo, l’Università di Perugia e l’Università di Torino. Sharper si svolge in 13 città italiane: Ancona, Cagliari, Camerino, Catania, L’Aquila, Macerata, Nuoro, Palermo, Pavia, Perugia, Terni, Torino e Trieste per raccontare la passione, le scoperte e le sfide dei ricercatori di tutta Europa.

Per seguire gli eventi:
Facebook: www.facebook.com/UNIVPM
Youtube: www.youtube.com/user/UNIVPM1

(articolo pubbliredazionale)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X