facebook rss

Furto al deposito Eurospin,
giovane finisce a processo

ASCOLI - I fatti risalgono al febbraio dell'anno scorso quando furono asportate derrate alimentari, scope elettriche e tappetini per auto. In aula è stato ascoltato un investigatore che condusse le indagini

Una razzia di scope elettriche, tappetini per auto, spezie e altro ancora al deposito della catena Eurospin di Monteprandone sta costando un processo ad un 41enne residente a Spinetoli.

Il giovane, difeso dagli avvocati Silvia Morganti e Umberto Gramenzi, deve rispondere dei fatti accaduti la notte del 7 febbraio 2019 all’interno dell’area “no-food” del magazzino della grande catena di supermercati.

In particolare, alcuni dipendenti e responsabili notarono movimenti “strani” e la presenza dell’imputato che si era spacciato come elettrauto giunto in loco per riparare un mezzo pesante di un familiare.

Il blitz dei Carabinieri scattò dopo l’appostamento del capo magazzino in seguito a un altro furto avvenuto la sera precedente.

Altre autovetture sospette furono notare in prossimità delle porte di carico del magazzino, ma non è stato poi possibile risalire all’identità dei complici.

La merce sottratta a marchio Eurospin fu poi rinvenuta in un negozio della Vallata del Tronto.

Nel corso dell’udienza odierna al Tribunale di Ascoli, di fronte al giudice Barbara Pomponi, è stato ascoltato uno degli agenti che condusse le indagini.

All’imputato vengono contestate anche le aggravanti di aver commesso il fatto insieme ad altre persone e di aver manomesso i sigilli della porta del magazzino.

Il processo è stato poi rinviato al 23 marzo 2021.

rp


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X