Quantcast
facebook rss

L’Arengo fa i conti con la pandemia:
minori entrate per 360.000 euro

ASCOLI - La delibera per la copertura delle spese impreviste sarà discussa lunedì prossimo in Consiglio comunale. Dallo Stato in arrivo un salvagente di 374.000 euro
...

Il conto della pandemia inizia a farsi sentire anche sulle casse degli enti locali come il Comune di Ascoli.

Il sindaco Marco Fioravanti

Sotto osservazione in  particolare ci sono i mancati introiti a causa dell’azzeramento di alcuni tributi come l’Imu (-200.000 euro), minori incassi dalle mense scolastiche (-100.000 euro) e dai diritti di segreteria (-60.000 euro) oltre a maggiori spese per le santificazioni e attrezzature per il distanziamento (14.000 euro) e i buoni spesa per i soggetti fragili (50.000 euro).

In soccorso dell’Arengo ci sono però i fondi stanziati dal governo centrale con una quota pari a 374.000 euro destinata al capoluogo piceno.

La mini manovra finanziaria per pareggiare entrate e uscite sarà discussa nella prossima seduta del Consiglio comunale in programma in video conferenza lunedì 30 novembre alle ore 15.

Tra le spese più corpose ci sono quelle per i kit per la raccolta differenziata (208.500 euro) e la pulizia degli uffici comunali (140.000 euro).

Risparmi in arrivo per incarichi (-82.5000), utenze (-70.000), lotta al randagismo (-65.000 euro) e manutenzioni (-77.000) e personale (-141.600 euro) e quelle per gli eventi annulla a causa del Covid.

In discussione anche l’interrogazione di Movimento 5 Stelle e Ascolto&Partecipazione sul caso dei miasmi a Villa Sant’Antonio.

rp

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X