facebook rss

Zona artigianale,
la solita discarica (Le foto)

ASCOLI - Quella abusiva in via della Tintura, a due passi dal centro abitato e dai centri commerciali, non è più una novità. Ma forse è giunta l'ora che di dovere intervenga, magari cercando di individuare l'incivile di turno attraverso la videosorveglianza

Il parcheggio trasformato in discarica

di Andrea Ferretti

Ormai purtroppo non è più una novità. Numerose strade e stradine della zona artigianale e di quella industriale di Ascoli vengono puntualmente adibite a discariche.

L’ultima segnalazione ci giunge da un cittadino, che ha anche prodotto delle foto, semmai qualcuno possa credere che si tratti di una allucinazione, riguarda via della Tintura, strada interna della zona artigianale, a due passi dalla Motorizzazione Civile, dove si trovano attività commerciali e numerosi uffici, a piche centinaia di metri dai frequentatissimi centri di commerciali.

Lì, come in altre aree adiacenti, è stato realizzato anni fa un parcheggio, abbandonato però a se stesso fin dal giorno successivo la conclusione dei lavori. Un posto ideale per chi non rispetta giorni e orari dei conferimenti dei rifiuti. Umido, secco, plastica, vetro, ingombranti e anche “pericolosi” vengono piratamente scaricati lì. Un luogo non lontano dal centro abitato, dove basta giungere in auto, aprire lo sportello, o al massimo il bagagliaio, e gettare di tutto. In qualunque giorno della settimana. A qualunque ora. Uno sguardo a destra, uno a sinistra, e il gioco è fatto.

Si tratta di una zona dove le forze dell’ordine, in questo caso la Polizia Municipale, transita assai raramente per non dire quasi mai. Una zona dove nelle ore serali, in questo periodo fatto di divieti e Dpcm, molto più che in passato, non passa nessuno e dove la vita sembra essersi fermata. L’ideale per i soliti ignoti che abbandonano rifiuti, perfino di lavorazioni edili.

La videosorveglianza, ammesso (e non concesso) che ci sia, non funziona o non viene mai controllata da chi, invece, ha la facoltà di poter visionare le immagini e pizzicare qualche targa di auto e furgoni.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X