Quantcast
facebook rss

Sisma, riceve 18 bollette del gas:
«Sono 6.500 euro da pagare
La gente non sa dove sbattere la testa»

BOLLETTE PAZZE - A riceverla una donna di Tolentino che ha segnalato l’anomalia all’associazione "La terra trema noi no". Il presidente Diego Camillozzi: «Un altro problema da affrontare sono i salti di corrente nel periodo invernale, che mettono a dura prova chi vive nelle Sae»
...

 

bolletta-gas-post-sisma

Le bollette ricevute

 

di Monia Orazi

Brutta sorpresa per una quarantenne di Tolentino che si è vista recapitare un conto – per il consumo di gas – pari a 6.580 euro, arrivato a fine dicembre a mezzo di 18 bollettini da 365 euro ciascuno.

La donna ha segnalato l’anomalia all’associazione “La terra trema noi no”, come spiega il presidente Diego Camillozzi: «Si tratta di una signora di Tolentino che ha ricevuto questa bolletta piuttosto onerosa del gas, ma senza avere al tempo stesso la fattura come previsto dalla legge.

Anche per il gas è previsto lo sconto degli oneri di sistema nel periodo di sospensione delle bollette, un po’ meno del 40% dell’importo totale. Pure in questo caso i conti non tornano. Le persone sono già provate da anni difficili, adesso si vedono arrivare bollette a tre zeri come questa e non sanno dove sbattere la testa.

Ci sono circa 500mila persone che hanno avuto le bollette sospese nel cratere».

diego-camillozzi

Diego Camillozzi

L’associazione si sta organizzando per poter contestare le bollette direttamente ai gestori «Ci stanno già arrivando diverse bollette, stiamo valutando a chi far seguire il problema, forse sarebbe opportuno un controllo a monte dell’Arera, comminando ai gestori delle multe salate per l’invio errato di bollette pazze, come capitato di recente», spiega Camillozzi.

«» Relativamente all’energia elettrica – aggiunge – un altro problema da affrontare sono i salti di corrente nel periodo invernale, che mettono a dura prova chi vive nelle Sae in caso di maltempo, essendo la corrente l’unica fonte di riscaldamento.

Abbiamo proposto di fornire l’Anas di gruppi elettrogeni, che in caso di mancanza di energia elettrica vengano consegnati nelle aree Sae dove manca la corrente ed allacciati dagli operai comunali, in modo che in caso di emergenza le persone possano tornare ad avere energia entro un paio di ore al massimo».

Camillozzi poi segnala un altro inconveniente burocratico: «Abbiamo scoperto che chi deve spostare un palo della corrente, ad esempio in occasione di lavori di ricostruzione della propria abitazione, deve attendere alcuni mesi. È un problema di burocrazia da affrontare subito».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X