Quantcast
facebook rss

«Rischio coesione sociale,
in ballo oltre 60.000 posti di lavoro»

L'ANALISI dell'Ires Cgil Marche. Il segretario Santarelli: «Esito molto preoccupante che risente dell’emergenza sanitaria e dei conseguenti riflessi negativi sull’economia regionale. Tante aziende rischiano la cessazione o forti riduzioni di personale dopo il 31 marzo, quando scadrà il blocco dei licenziamenti»
...
IMG-20210112-WA0003-325x244

Giuseppe Santarelli, segretario Cgil Marche

«L’analisi del quarto trimestre, e quindi il conseguente dato definitivo di tutto il 2020 delle ore di Cig autorizzate nelle Marche, offre un esito molto preoccupante e che risente dell’emergenza sanitaria e dei conseguenti riflessi negativi sull’economia regionale, con oltre 128 milioni di ore autorizzate nel 2020, con un forte rischio per la coesione sociale, con oltre 60.000 posti di lavoro in ballo».

È quanto emerge dai dati Inps rielaborati dall’Ires Cgil Marche che mettono in risalto, confrontato il dato del 2020 con lo stesso periodo del 2019, un notevole aumento del ricorso agli ammortizzatori sociali.

«Nello specifico la Cig si attesta a oltre 102 milioni di ore contro i 14 milioni dell’anno precedente (+ 710) e il ricorso al Fis arriva a oltre 26 milioni di ore quando nel 2019 erano state autorizzate appena 64 mila ore -spiega la Cgil-. Il settore metalmeccanico risulta essere quello che ha utilizzato più ore con oltre 35,5 milioni (+ 469% rispetto al 2019), segue il settore del commercio con 18 milioni di ore autorizzate, poi il settore pelli, calzature e cuoio con ben 12,6 milioni di ore ed un aumento sul 2019 pari al 462%. Tra i comparti più toccati in quello del legno le ore arrivano a toccare i 7,6 milioni (+ 800% rispetto all’anno precedente), mentre nella chimica 6,4 milioni e nell’abbigliamento e tessile oltre 6,2 milioni».

«Il sistema produttivo regionale già prima del Covid era avviluppato in una crisi profonda e preoccupante, ora sono tante le aziende che rischiano la cessazione o forti riduzioni di personale dopo la data fatidica del 31 marzo, quando scadrà il blocco dei licenziamenti -aggiunge Giuseppe Santarelli, segretario regionale Cgil Marche-. Ad una riduzione di oltre 128 milioni di ore corrisponderebbero in linea teorica circa 63.000 lavoratori a tempo pieno che nel 2020 non avrebbero lavorato neanche un’ora. Oltre 49.000 di questi sarebbero del settore manifatturiero industriale».

«Immaginiamo cosa potrà succedere dopo il 31 marzo del 2021 se verrà superato il blocco dei licenziamenti senza una ripresa delle attività economiche e dei livelli di produzione industriale e senza un sistema di tutele adeguato alla complessità del mondo del lavoro – sottolinea Santarelli -. Siamo molto preoccupati perché nel Paese invece di discutere di questi temi delicatissimi l’attenzione si è spostata sulla crisi di Governo, aprendo al rischio concreto di non portare a compimento la tanto necessaria riforma degli ammortizzatori sociali. Anche la Regione è chiamata in fretta a discutere urgenti misure di rilancio del sistema industriale sulle tre direttive dettate dall’Europa con NextGenerationUE, aprendo un confronto, finora inesistente con le organizzazioni di rappresentanza del mondo del lavoro».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X