facebook rss

Case del sesso: coppia a processo

RINVIATI a giudizio una 38enne dominicana e un 49enne anconetano che all'epoca dei fatti era impiegato amministrativo in Questura: avrebbe avuto il compito di definire i contratti d'affitto degli appartamenti da destinare alle lucciole. Tra queste, la figlia dell'imputata, appena maggiorenne

Giro di prostituzione tra Ancona e Falconara: in due finiscono a processo. Si tratta di una 38enne dominicana e del suo compagno, un 49enne all’epoca dei fatti dipendente amministrativo della Questura dorica.

Cinque le vittime conteggiate dalla Procura, tra cui anche la figlia dell’imputata. Erano tutte originarie della Repubblica Dominicana. Il processo inizierà il 4 marzo davanti al collegio penale. Entrambi gli imputati sono difesi dall’avvocato Gabriele Galeazzi.

Stando a quanto contestato, il 49enne si sarebbe occupato della “parte amministrativa”, occupandosi dei contratti di locazione degli appartamenti da destinare alle lucciole. Verso i proprietari, totalmente estranei ai fatti, l’uomo avrebbe speso la falsa qualifica di poliziotto.

La dominicana, invece, si sarebbe occupata di reclutare le sue connazionali per farle venire nell’Anconetano e prostituirsi. In cambio dell’alloggio preso in affitto, le “squillo” avrebbero dovuto dare soldi alla maitresse con continuità. Tra le vittime dello sfruttamento, la Procura ha conteggiato anche la figlia della 49enne, che all’epoca dei fatti contestati, nel 2015, aveva appena compiuto 18 anni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X