facebook rss

Offese social al sindaco di Amandola,
poi annuncia le scuse davanti al giudice

ASCOLI - Si aperto oggi davanti al giudice Barbara Bondi Ciutti il procedimento a carico di un 50enne del posto accusato di aver diffamato il primo cittadino Adolfo Marinangeli

Una serie di commenti sui social piuttosto pesanti sull’operato e l’onore del sindaco di Amandola, Adolfo Marinangeli, stanno costando un processo per diffamazione ad un cinquantenne residente nel comune dei Sibillini per i fatti risalenti al periodo marzo-aprile 2020.

Adolfo Marinangeli

Il procedimento si aperto questa mattina, giovedì 4 febbraio, davanti al giudice Barbara Bondi Ciutti del Tribunale di Ascoli Piceno competente per territorio anche su Amandola che ricade in territorio della provincia di Fermo.

Di fronte al giudice, comunque, l’imputato ha annunciato di volersi scusare pubblicamente, sempre via social e con la stessa rilevanza dei post diffamatori, nei confronti del primo cittadino offrendo anche una forma di denaro come risarcimento.

 

L’avvocato Emiliano Carnevali

Ora spetterà al giudice ritenere congrua o meno questa offerta che però non è stata ritenuta accettabile dall’avvocato difensore del sindaco, Emiliano Carnevali, che si riserva di avviare una separata azione in sede civile.

rp

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X