facebook rss

Carcere del Marino,
si prosegue
con iniziative e progetti

ASCOLI - L'emergenza covid non ha fermato la voglia di proseguire con i progetti di riabilitazione e rieducazione. Corsi sulla genitorialità, teatrali e di giornalismo, gli orti sociali, le partite di calcio

Una partita di calcio all’interno del carcere del Marino

di Simone Corradetti

L’emergenza Coronavirus non ha mai arrestato la voglia di proseguire le iniziative e i progetti all’interno della casa circondariale di Marino del Tronto per la riabilitazione e rieducazione del condannato come previsto dalla costituzione. Dopo una breve sospensione, riprenderà il corso teatrale per la costruzione delle marionette per i detenuti dell’alta sicurezza con pene ostative, organizzato dalla Regione Marche e con una rappresentazione finale del lavoro svolto.

Mentre l’ambito territoriale di Ascoli, ha voluto organizzare dei corsi sulla genitorialità per i reclusi con figli a carico, e che vengono costantemente seguiti dallo psicologo.

Inoltre, è stato rinnovato un protocollo tra il provveditorato dell’amministrazione penitenziaria delle Marche ed Emilia Romagna, insieme alla Regione, per il discorso degli orti sociali che vengono coltivati negli istituti di pena di Ascoli, Ancona e Pesaro.

Continuano senza sosta gli allenamenti del Csi presieduto da Antonio Benigni, e con il giovane preparatore atletico Valentino D’Isidoro per il progetto “Il mio campo libero”, che vede coinvolti i reclusi della sezione “giudiziaria” e “filtro”, garantendo una fattiva riabilitazione motoria attraverso degli incontri di calcio. A proposito di sport, è stato consegnato un calcio balilla per il reparto di media sicurezza. Anche il corso di giornalismo non si è mai fermato, con la prossima uscita trimestrale della rivista “L’eco del Marino” prevista per Pasqua.

Infine sul fronte anti Covid, si continuano ad effettuare i tamponi rapidi per i detenuti che arrivano nella struttura ascolana, con la quarantena di dieci giorni, l’uso obbligatorio della mascherina per gli agenti della polizia penitenziaria, e la programmazione delle vaccinazioni previste per i prossimi mesi al personale, e ai detenuti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X