facebook rss

Scuole, tuona il sindaco Fioravanti:
«Basta strumentalizzare ogni azione»

ASCOLI - Nel mirino l'individuazione e messa a disposizione di spazi e ambienti per la sistemazione provvisoria degli studenti da settembre 2022. Il primo cittadino si rivolge «ai pochissimi genitori di studenti ascolani che, spinti da vecchi politicanti, non collaborano per cercare di risolvere le problematiche esistenti negli istituti scolastici cittadini»

 

«Non chiedete cosa può fare il vostro Paese per voi, chiedete cosa potete fare voi per il vostro Paese è una citazione di John F. Kennedy con cui mi rivolgo ai pochissimi genitori di studenti ascolani che, spinti da vecchi politicanti, piuttosto che collaborare insieme all’Amministrazione Comunale per cercare di risolvere le problematiche esistenti negli istituti scolastici cittadini, si preoccupano piuttosto di strumentalizzare politicamente ogni azione che viene portata avanti».

La scuola “D’Azeglio” di Ascoli

Sono parole del sindaco di Ascoli, Marco Fioravanti, che interviene sul caso scuole, e aggiunge:

«Come ho più volte spiegato, e come tengo a ribadire ancora una volta, insieme all’assessore all’istruzione Monica Acciarri abbiamo da tempo avviato un percorso partecipato e di ascolto con i dirigenti degli istituti scolastici e con i rappresentanti dei genitori, per illustrare e spiegare a ciascuno di loro il cronoprogramma degli iter che sarebbero stati seguiti in merito all’adeguamento sismico e alla ricostruzione delle nostre scuole».

«Nel mese di aprile, uscirà apposito avviso con il quale si chiederà, a soggetti pubblici e privati, di individuare e mettere a disposizione spazi e ambienti per la sistemazione provvisoria degli studenti, a partire dal settembre 2022. Sarà nostra premura dare priorità a quelle strutture che siano il più vicino possibile alle attuali sedi scolastiche, per mantenere e rispettare l’esigenza di territorialità di studenti e genitori».

«Per questa ragione, rivolgo un accorato appello a chi si preoccupa solo di strumentalizzare la situazione: dare adito a voci inesatte o notizie infondate non serve davvero a nessuno. Auspico, al contrario, che ci sia massima apertura e collaborazione con l’Amministrazione Comunale e con le tante persone che si stanno impegnando per trovare una soluzione: tutti i genitori, attraverso i loro rappresentanti o i loro dirigenti, possono proporre idee ed esprimere il loro parere. Noi siamo pronti ad ascoltare qualsiasi proposta costruttiva».

Ricostruzione, il punto sulle scuole in attesa dell’ordinanza “Ascoli”

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X