facebook rss

Alternanza Scuola Lavoro,
tra i vincitori anche
l’Istituto ascolano
“Fermi-Sacconi-Ceci”

PREMIAZIONE online della Camera di commercio delle Marche che ha “rubato” parte della mattinata in Dad alla classe quarta A e al suo progetto “Scuola e Ricerca al servizio dell’Umanità”

L’Istituto d’istruzione superiore “Fermi-Sacconi-Ceci”

Oggi, lunedì 29 marzo, parte della mattina di didattica a distanza dei ragazzi vincitori del Premio “Storie di Alternanza” è stata dedicata alla premiazione online organizzata dalla Camera di Commercio delle Marche, che ha assegnato premi in denaro ai migliori videoracconti riferiti all’esperienza di “Alternanza Scuola Lavoro” vissuta dai ragazzi. In tutto coinvolti 8 scuole, 9 progetti e 14 classi.

Tra i premiati, primo classificato nella categoria Istituti Tecnici, la classe quarta A dell’Istituto d’istruzione superiore “Fermi-Sacconi-Ceci” di Ascoli con il progetto “Scuola e Ricerca al servizio dell’Umanità” (studente Luca Bachetti, insegnante professoressa Luana Milani).

La premiazione, ovviamente online, è stata preceduta da riflessioni sul progetto di Gino Sabatini (presidente Camera di Commercio delle Marche), Carmina Pinto (coordinatrice dei gruppi di lavoro nazionali dell’Ufficio Scolastico Regionale), Andrea Santori(componente della giunta camerale delegato alla Formazione).

Gino Sabatini: «Sentiamo con sempre maggiore responsabilità, proprio alla luce della criticità che studenti e mondo economico stanno vivendo, la nostra funzione  di raccordo tra mondo della scuola e del lavoro e  ciò rende il nostro ruolo in questi ambiti sempre più cruciale. Riteniamo doveroso rivolgerci ai ragazzi e avvicinarli al mondo del lavoro e dell’impresa già durante il percorso scolastico. Per sostenerli abbiamo il dovere di dare loro un Paese più moderno e quindi digitalizzato, più efficiente e perciò più credibile e capace di attrarre intelligenze e investimenti, più meritocratico e dunque più libero e rispettoso delle persone, capace di valorizzare le loro competenze nell’interesse di tutti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X