facebook rss

Il “Cavallo di Fuoco”
torna a Ripatransone:
due video per rivivere l’evento

LA TRADIZIONALE manifestazione è stata annullata a causa della pandemia, per il secondo anno consecutivo. Ma l'atmosfera sarà ricreata sui social, attraverso clip che andranno in onda tutto il giorno, domenica 11 aprile. Ecco di che si tratta

 

Il Cavallo di Fuoco infiamma e illumina ancora Ripatransone. Accadrà domani, domenica 11 aprile.

Sui social del Comune di Ripatransone saranno trasmessi due video, per ricordare la festa dell’Ottava di Pasqua, evento folcloristico-pirotecnico annullato per il secondo anno consecutivo a causa della pandemia da Coronavirus.

Mauro Piergallini

Ripatransone ha voluto trovare il modo per non perdere il senso di comunità che anima la manifestazione.

Si tratta di due video con finalità e momenti di diffusione differenti nel corso della giornata.

La prima clip è un vero e proprio omaggio al Cavallo di Fuoco ed alla comunità ripana tutta, da parte della Confraternita della Madonna di San Giovanni e dell’Amministrazione comunale.
Il Cavallo di Fuoco sarà rievocato attraverso immagini, suoni e suggestioni, omaggiando anche artisti ed autori ripani che hanno celebrato lo spettacolo attraverso le loro opere.

Un connubio di emozioni e ricordi di quanto già vissuto che si tramutano in attesa del Cavallo di Fuoco che verrà, quello che tornerà ad infiammare le piazze Matteotti e Condivi nonché i cuori dei ripani.

La regia del video rievocativo è stata affidata a Mauro Piergallini e al suo studio di produzione “Noon Multimedia”, già autore di diverse video-realizzazioni per Ripatransone. Il filmato sarà caricato sui canali social visit Ripatransone (Facebook, Instagram e YouTube) a partire dalla mattinata di domani, come a scandire i momenti salienti della giornata di Festa che, in genere, iniziano proprio dalle prime ore del giorno. Fondamentale per la realizzazione del progetto è stato il contributo di sponsor privati quali la Sia spa e la Conserviera Adriatica spa.

Il Cavallo di Fuoco, poi, si “accende” quando cala il sole e gli animi dei ripani e degli amanti dello spettacolo sono pronti ad accoglierne la propria luce.

E proprio la parola lūmĕn, luce in latino, è stata scelta come titolo della clip che andrà on air in streaming, sempre sui canali visit Ripatransone alle ore 21,30 sempre domani. Il video evocativo – con il patrocinio della Confraternita della Madonna di San Giovanni e del Comune di Ripatransone – è nato dall’idea di due architette ripane, Chiara e Francesca Girolami.

Tornate in Città nel 2020 dopo esperienze internazionali, le sorelle Girolami sono spinte dalla convinzione che il ricchissimo patrimonio culturale e architettonico della zona vada riattivato e rivitalizzato attraverso i linguaggi del nostro tempo, mantenendo la forza della sua identità storica e allo stesso tempo acquisendo quel linguaggio contemporaneo che lo inserisce in un contesto globale. Ad affiancarle nel progetto anche altri professionisti, tutti ripani, tornati anch’essi nel piceno negli ultimi tempi, dopo anni di esperienze di lavoro in Italia e all’estero, e animati dall’amore comune per Ripatransone: l’art director Andrea Castelletti, l’artista e curatore Alex Urso e la comunicatrice Maria Ida Maroni; con la direzione tecnica del batterista ripano di successo Marco Lanciotti, il videomaker Edoardo Lupacchini e il light designer Alberto Belluco.

La clip vuole essere anche un omaggio al mondo dell’arte e dello spettacolo che tanto sta soffrendo in questi mesi, e che nella performance sarà protagonista: la ballerina e coreografa ripana Veronica Vagnoni danzerà nel video e i suoi movimenti saranno impreziositi da fasci di luce che evocano le scintille del Cavallo che cadono a terra e si spengono nel buio. lūmĕn è quindi uno spettacolo che vuole rischiarare quel buio della notte e, metaforicamente, donare speranza e vicinanza in un periodo storico di precarietà come quello che stiamo vivendo.

Ecco il commento del sindaco di Ripatransone Alessandro Lucciarini De Vincenzi: «L’Amministrazione comunale è felice di sapere che la giornata dell’Ottava di Pasqua ripana quest’anno sarà comunque ricca di eventi che animeranno la comunità, anche se attraverso degli schermi di pc, tablet o smartphone. È bello sapere che i canali social della città saranno gli strumenti attraverso i quali tali iniziative potranno arrivare a tutti, per ricordare o evocare il nostro Cavallo di Fuoco.

Ringrazio quindi coloro che ci hanno messo impegno e passione o che semplicemente si sono messi a disposizione con entusiasmo: dalla Confraternita della Madonna di San Giovanni alle parrocchie dei Santi Gregorio Magno e Niccolò e dei Santi Benigno e Michele Arcangelo, nella persona del parroco don Nicola Spinozzi, dai privati che hanno creduto nei progetti ai ragazzi ripani che hanno dedicato tempo e idee nella realizzazione di questi progetti che valorizzano la nostra festa più conosciuta, così come l’intero territorio ripano».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X