facebook rss

Barca affonda al largo
di Porto d’Ascoli:
paura per due diportisti

SAN BENEDETTO - L'allarme è stato lanciato da un guardacoste fuori servizio. E' intervenuto anche l'equipaggio di un'altra barca di passaggio che ha issato a bordo i due naufraghi, portandoli in salvo scortati dalla motovedetta della Capitaneria di porto

Paura per due diportisti al largo della costa picena, all’altezza di Porto d’Ascoli zona Sentina.

Mentre erano in mare, poco prima delle 17 di oggi 10 aprile, la loro imbarcazione ha iniziato a riempirsi d’acqua e ad affondare a circa 400 metri dalla costa.

A dare l’allarme, alla sala operativa della Guardia Costiera di San Benedetto, un collega fuori servizio che dalla riva ha visto uscire molto fumo dall’imbarcazione che stava affondando, mentre due persone erano sulla zattera di salvataggio.

Una motovedetta, la CP861, è immediatamente partita per dirigersi verso il luogo dell’incidente.

Nel frattempo, della loro condizione di pericolo si è reso conto l’equipaggio di un’altra barca che transitava poco distante. Ha preso a bordo i due naufraghi e, scortata dalla CP861, li ha condotti nel porto di San Benedetto per i primi controlli medici a cura del personale del 118.

Una volta accertato il buono stato di salute, i diportisti – italiani sulla trentina – hanno riferito di essere partiti da Pescara con l’unità lunga 14 metri diretti verso il porto di Porto Garibaldi, prevedendo una sosta tecnica a San Benedetto per fare il pieno di carburante.

Ignote le cause dell’affondamento.
La Guardia Costiera sta monitorando la zona per escludere la presenza di macchie di idrocarburi, mentre l’armatore della barca è stato diffidato a prevenire ogni rischio di inquinamento ed a rimuovere prima possibile il relitto.

m.n.g.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X