facebook rss

Recovery fund,
«Attrattori turistici diventino
occasione di aggregazione»

SAN BENEDETTO - Il coordinatore dell'Osservatorio comunale infanzia e adolescenza evidenzia la necessità di promuovere, in vista del post pandemia, il turismo attraverso la cultura.  «Diversificare anche per decongestionare i luoghi che avevano troppi visitatori » 

Tonino Armata

di Tonino Armata

(coordinatore Osservatorio infanzia e adolescenza Comune San Benedetto)

Investire in cultura – cultura dell’infanzia e dell’adolescenza – significa dare un grande contributo attraverso il turismo, alla crescita economica di San Benedetto e dintorni.

È complicato definire il confine tra i due settori. L’aumento dei visitatori nei musei, della Villa Marittima, “domus” romana di tipo residenziale del I secolo a.C., dell’organizzazione della festa delle bambine e dei bambini ad esempio, è una cosa che riguarda anche la cultura – cultura dell’infanzia e dell’adolescenza – e turismo.

Il lockdown e la crisi, hanno fatto capire a tutti i decisori politici, anche quelli che una volta erano più distratti nei confronti degli investimenti in cultura e turismo, che investire in questi settori è una priorità economica per la nostra città e per tutto il territorio. Si è capito dalle città d’arte vuote, per la perdita del turismo internazionale, dai cinema e dai teatri chiusi, dall’assenza dei concerti. Il governo deve intervenire in maniera concreta, adesso, con il Recovery Fund.

Finita l’emergenza sanitaria deve tornare tutto come prima o questo passaggio lascerà delle tracce permanenti nelle vite individuali e collettive? Io penso proprio di sì.

La responsabilità della classe politica sarà quella di prendere le parti migliori che si sono scoperte in questi mesi e cercare di utilizzarle. Ad esempio, nei prossimi mesi oltre ai turisti del mare, c’è da promuovere una crescita del turismo della montagna, dei borghi, dei cammini, dei sentieri storici.

Perché tornare indietro? Dobbiamo lavorare e investire per moltiplicare e valorizzare questi “attrattori” turistici e decongestionare i luoghi che avevano troppi visitatori.

Così il turismo internazionale si sposta se trova infrastrutture adeguate, per cui un altro obiettivo sarà quello della creazione di un’alta velocità che arrivi a sud delle Marche e passi per la dorsale adriatica. Insomma, vanno distribuiti flussi e ricchezze per incentivare il turismo e di conseguenza la cultura – cultura dell’infanzia e dell’adolescenza.

San Benedetto potrà rilanciarsi attraverso il turismo e la cultura – cultura dell’infanzia e dell’adolescenza, considerato che ha la vocazione al turismo familiare – le quali saranno come catalizzatori di tutti quei processi necessari per ricostruire il tessuto sociale ed economico del territorio (Riviera delle Palme).

Gli spazi destinati alle attività culturali e gastronomiche non si limiteranno perciò a fungere soltanto da “attrattori”, ma dovranno essere luoghi di produzione, incontro e relazione, capaci di favorire la riaggregazione e il coinvolgimento attivo della comunità locale, con particolare attenzione ai minori, alle giovane, ai giovani, agli anziani, con le quali attivare i processi di inclusione sociale.

E quello che vale per la città di San Benedetto, vale per qualunque altro comune della provincia di Ascoli, per qualunque altro centro o piccolo borgo del nostro territorio.

Ma al di là degli strumenti a disposizione l’importante è sottolineare sempre la forza dirompente che ha il turismo, la cultura – cultura dell’infanzia e dell’adolescenza-, affermare l’idea che la cultura e il turismo sono capaci di liberare ovunque energie positive, agendo come leva di rilancio, coesione e inclusione, come motore di crescita e di sviluppo, come generatore di ricchezza e di benessere.

San Benedetto ha la cultura del mare e gastronomico straordinari, si tratta di attivare gli strumenti migliori per sfruttarne l’enorme potenziale, rispondendo ai cambiamenti del tempo, per non lasciare indietro nessuno.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X