facebook rss

Sfonda il portone della casa della ex
e poi dà fuoco ai materassi

ASCOLI - Si è aperto in Tribunale il processo a carico di uno straniero accusato di una sfilza di reati nei confronti della donna con cui aveva avuto una relazione

Dalle minacce alle persecuzioni vere e proprie. E’ l’incubo vissuto da una donna residente lungo la Vallata del Tronto a causa delle azioni persecutorie condotte dall’ex fidanzato finito questa mattina, lunedì 19 aprile 2021, a processo per una sfilza di reati (minacce, violazione di domicilio, danneggiamento, tentata lesione personale, danneggiamento seguito da incendio) di fronte al giudice Matteo Di Battista del Tribunale di Ascoli Piceno.

Dopo una serie di minacce, l’episodio più grave avvenne nel gennaio del 2018 quando l’uomo, uno straniero di 38 anni difeso dagli avvocati Silvia Morganti e Umberto Gramenzi, sfondò la porta dell’abitazione della donna introducendosi dentro casa contro la sua volontà tirandogli anche il pomello del portone.

L’escalation di violenza proseguì anche all’esterno dell’abitazione dove l’uomo incendiò  alcuni materassi accatastati.

Le fiamme lambirono anche un camion parcheggiato nelle vicinanze.

L’udienza è stata poi aggiornata all’8 novembre 2021 per ascoltare il racconto della parte offesa.

rp


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X