facebook rss

Terremotato restituisce il Cas
non dovuto e il giudice lo assolve

ASCOLI - Aveva percepito oltre 12.000 euro dopo il sisma del 2016. E' stato assolto dal giudice Rita De Angelis dopo che ha riconsegnato il denaro percepito

Aveva percepito indebitamente (dal mese di febbraio 2017 al mese di settembre 2018) oltre 12.000 euro di “C.A.S.” (contributo autonomo sistemazione) e per questo era stato indagato dalla Procura di Ascoli per i reati di “falso” e “indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato”.

L’avvocato Mauro Gionni

Il C.A.S. era stato richiesto al Comune di Ascoli dopo il sisma del 2016.

Il sussidio, tuttavia, era stato revocato successivamente in base all’accertamento dei consumi delle utenze come sistema di controllo per verificare l’effettiva residenza nella casa colpita dal sisma.

Una situazione che sta determinando parecchi procedimenti giudiziari, anche molto complessi per il caso dei consumi presunti indicati nelle bollette in assenza delle letture reali del contatori.

In questo caso il terremotato, difeso dall’avvocato Mauro Gionni, dopo la restituzione delle somme percepite erroneamente, ha chiuso indenne la vicenda giudiziaria con l’assoluzione decretata dal giudice Rita De Angelis.

Restituendo il denaro è venuta meno anche l’accusa di “dolo” per la Procura.

rp

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X