facebook rss

“Riprendiamo a far musica”,
al Museo archeologico
tornano le note dello Spontini

ASCOLI - Doppio appuntamento di carattere culturale in programma nel weekend del 19 e del 20 giugno, con gli alunni del corso di chitarra del professor Travaglini e i maestri Baiocchi e Buca che si esibiranno a palazzo Panichi per celebrare il 40° anniversario dell’inaugurazione del museo in occasione della Festa europea della musica

L’arte, la storia e soprattutto la buona musica tornano protagonisti nel fine settimana del 19 e del 20 giugno, quando l’istituto musicale Spontini e il Museo archeologico statale di Ascoli, in occasione della Festa europea della musica e del quarantesimo anniversario dell’inaugurazione del museo, metteranno in scena ben due concerti per celebrare al meglio la duplice ricorrenza.

Il Museo archeologico di Ascoli

Un imperdibile doppio appuntamento, dal titolo “Accordate gli strumenti, riprendiamo a far musica!”, per gli amanti delle note e della cultura locale, che a partire dalle ore 17 di sabato 19 giugno potranno tornare a coltivare le proprie passioni nel corso di un pomeriggio da trascorrere in compagnia dei giovani allievi della classe di chitarra del professor Luigi Travaglini.

In quell’occasione Giovanna Ameli, Giulia Cappelli, Aurora Costantini, Annalaura Ferri, Chiara Protasi e Michele Lupi accompagneranno i presenti nel corso di una visita guidata – su prenotazione al numero 389.2661227 – tra le sale di palazzo Panichi, sede del museo archeologico.

Il giorno seguente, domenica 20 giugno, a partire dalle 21 la medesima location ospiterà invece un concerto di benvenuto in onore del solstizio d’estate che vedrà protagonista un’eccezionale coppia di docenti dell’istituto Spontini, con il maestro Mauro Baiocchi al flauto e il collega Alessandro Buca al clavicembalo.

Il programma prevede l’esecuzione di pagine particolarmente interessanti del repertorio barocco per clavicembalo solo e per flauto e basso continuo, abbracciando autori sia di area italiana del calibro di Scarlatti e Vivaldi, che di area francese e tedesca, come nel caso di Rameau, Telemann e Graun.

Il concerto prevede un ingresso libero, ma per poter prendere parte all’evento sarà necessario confermare la propria prenotazione sempre al numero 389.2661227.

Entrambe le iniziative sono patrocinate dal Comune di Ascoli e puntano a lanciare un forte segnale di ripresa a nome di un settore, quello delle esecuzioni musicali in presenza, gravemente penalizzato dalla pandemia attualmente in corso, nella speranza che le due manifestazioni possano rappresentare il primo passo verso un graduale ritorno alla normalità.

La locandina dei due eventi


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X