Quantcast
facebook rss

Giornata mondiale del rifugiato,
On the Road ci mette la faccia

L’INIZIATIVA - In occasione della ricorrenza di domenica 20 giugno, la cooperativa pubblicherà sui social le immagini dei protagonisti della rete di sostegno e accoglienza costituita a livello istituzionale, professionale e familiare. #linclusionehaunvolto è l’hashtag scelto per la campagna
...

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, in programma domenica 20 giugno, la cooperativa On the Road promuove un’iniziativa di sensibilizzazione della cittadinanza nei confronti di una tematica particolarmente delicata e importante.

I volti di alcuni dei protagonisti della campagna social

Attraverso l’hashtag #linclusionehaunvolto – questo il nome scelto per l’iniziativa – i rappresentanti della cooperativa, diffondendo in rete i volti dei protagonisti della rete di sostegno e amicizia costituita negli anni nel nome della solidarietà, intendono da un lato riconoscere i meriti di coloro che, con i loro piccoli gesti quotidiani, hanno dimostrato di comprendere appieno i valori dell’accoglienza e dell’inclusione, contribuendo dall’altro a presentare un modello positivo alla cittadinanza.

Proprio per questo motivo, nel corso della campagna non verranno mostrati i volti degli addetti ai lavori del sociale, bensì quelli delle persone che, all’interno dei territori in cui i rifugiati vivono, hanno saputo aprirsi alle opportunità di crescita e condivisione svolgendo le loro attività di amministratori, imprenditori, vicini di casa e insegnanti.

Alessandro Lucciarini De Vincenzi, sindaco di Ripatransone e protagonista della campagna

Nell’ambito dell’iniziativa, una menzione particolare spetta al Comune di Ripatransone, che promuovendo dal 2007 a questa parte il progetto Sai ha accolto circa 250 rifugiati, molti dei quali sono poi riusciti a trovare un’occupazione, mettere su famiglia e ricongiungersi con i propri cari, sia in Italia che in altri Paesi europei.

Lo stesso dicasi per alcune realtà imprenditoriali, come l’azienda Ittica Mg, che da anni si impegna a creare un ambiente di lavoro inclusivo e solidale riconoscendo e valorizzando le competenze professionali, come anche per gli insegnanti di italiano che hanno scelto di dare una mano ai rifugiati nel processo di integrazione nella nostra società e per tutti i cittadini che si sono messi in gioco per dare una mano a chi, per ragioni diverse, cerca il calore di una nuova famiglia a migliaia di chilometri da casa.

L’obiettivo della campagna è rappresentare uno stimolo a riconoscersi nei volti più o meno familiari postati sui social nel tentativo di fornire esempi quanto più concreti della reale valenza dell’inclusione, un processo in cui ognuno è in grado di fare la differenza aprendosi alle opportunità, le potenzialità e la ricchezza dell’altro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X