Quantcast
facebook rss

Riduzione Tari 2021 per attività
e utenze più colpite dal covid:
c’è il sì della giunta comunale

ASCOLI - Il sindaco Marco Fioravanti: «Un'altra misura di sostegno alla crisi economica». L'assessore al bilancio Dario Corradetti: «L'ennesima dimostrazione di impegno nel sostenere la comunità ascolana e i titolari di partite Iva» 
...

 

Un altro aiuto da parte del Comune di Ascoli in favore della nostra cittadinanza. Oggi, martedì 22 giugno, la giunta ha infatti approvato la riduzione della Tari 2021 in favore delle attività e delle utenze domestiche maggiormente colpite dall’emergenza covid.

Il sindaco Fioravanti

Ad annunciarlo è stato il sindaco Marco Fioravanti. «Come Amministrazione avevamo già sostenuto la cittadinanza con altre misure di sostegno alla crisi economica – spiega – dai buoni spesa agli aiuti per l’acquisto dei farmaci e beni di prima necessità, passando per bonus alle partite Iva, bonus affitti, contributi per il pagamento delle bollette e tante altre misure volte a sostenere famiglie e cittadini di tutte le età. L’obiettivo – conclude Fioravanti – è sempre stato quello di sostenere ogni categoria di popolazione che, a causa della pandemia, ha dovuto principalmente far fronte a disagi di tipo sociale, economico e finanziario e aiuteremo la cittadinanza anche per quanto concerne il pagamento della Tari».

L’assessore Corradetti

Soddisfatto anche l’assessore al bilancio, con delega ai tributi, Dario Corradetti: «Questa misura è l’ennesima dimostrazione di come l’Amministrazione Comunale si stia fattivamente impegnando nel sostenere la comunità ascolana e i titolari di partite Iva. Abbiamo infatti previsto una serie di misure di riduzione della Tari – dice l’assessore – in favore delle attività e delle utenze domestiche che sono state interessate dalle chiusure obbligatorie o da restrizioni nell’esercizio delle rispettive attività a causa dell’emergenza Covid».

 

LE MISURE PREVISTE

–   A favore delle utenze non domestiche è prevista la riduzione della Tari anno 2021 pari al 50%: per usufruire di tale riduzione, il richiedente deve obbligatoriamente presentare – pena esclusione – entro il 31 dicembre 2021 apposita istanza che attesti, secondo il modello predisposto dall’Ufficio Tributi del Comune, di rientrare tre le attività destinatarie dei provvedimenti di chiusura obbligatoria o restrizioni dell’esercizio dell’attività.

– A favore dei soggetti che svolgono attività di impresa, arte o professione e di reddito agrario titolari di partita iva, residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, che hanno beneficiato del contributo a fondo perduto previsto dall’articolo 1 del Decreto Sostegni (legge 41 del 22 marzo 2021) a beneficio degli operatori economici colpiti dall’emergenza epidemiologica, è prevista una riduzione del 40%: per usufruire di tale riduzione il richiedete deve obbligatoriamente presentare, pena l’esclusione, entro il 31 dicembre 2021, apposita istanza che attesti di aver beneficio del suddetto contributo a fondo perduto da parte dello Stato (Agenzia delle Entrate) secondo il modello predisposto dall’Ufficio Tributi del Comune di Ascoli.

Le due misure non sono tra loro cumulabili e, in caso di morosità pregressa, l’agevolazione sarà trattenuta dal Comune a diretta compensazione dell’ammontare rimasto insoluto.

–  A favore delle utenze domestiche colpite dalla crisi occupazionale ed economica, è previsto un bonus sociale consistente nella riduzione della Tari 2021 pari al 40%. Il richiedente deve documentare la sospensione perdurante dell’attività lavorativa e/o l’utilizzo di ammortizzatori sociali, nonché di possedere un Isee non superiore a 12.000 euro. E’ inoltre necessario che l’utenza ai fini della tassa rifiuti sia intestata a uno dei componenti il nucleo Isee e sia garantita la coincidenza della residenza anagrafica dell’intestatario della tassa con l’indirizzo di fornitura del servizio e del nominativo e del codice fiscale dell’intestatario della tassa con il nominativo di un componente il nucleo Isee. Per usufruire di tale bonus il richiedente deve obbligatoriamente presentare entro il 31 dicembre dell’anno 2021, apposita istanza che attesti, secondo il modello predisposto dall’Ufficio Tributi del Comune, il possesso di tutti i requisiti richiesti allegando idonea documentazione.

In caso di morosità pregressa, l’agevolazione è trattenuta dal Comune a diretta compensazione dell’ammontare rimasto insoluto. Il presente beneficio non si cumula con altre agevolazioni previste dal Regolamento per l’applicazione della Tari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X