Quantcast
facebook rss

La Milanesiana al via,
si comincia con Extraliscio
La rosa blu diventa una scultura sonora

ASCOLI - La rassegna ideata da Elisabetta Sgarbi sarà in città dal 17 al 21 luglio. Tra gli ospiti Michele Placido, Giovanni Caccamo Gene Gnocchi e Dori Ghezzi con il dialogo su Fabrizio De Andrè. L'installazione di Marco Lodola su disegno di Battiato sarà collocata nei giardini di corso Vittorio Emanuele
...

Cinque giornate all’insegna della musica, dell’arte, del teatro e della letteratura, con un concerto, tre spettacoli teatrali, due mostre, uno spettacolo dedicato all’arte e una presentazione letteraria. Ecco i numeri de La Milanesiana, la rassegna ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi che sarà in città dal 17 al 21 luglio con il sostegno della Regione Marche in collaborazione con il Comune e la Camera di Commercio.

Gli Extraliscio

Apertura si aprirà con il concerto degli Extraliscio al Ventidio Basso (il 17 luglio alle 21), cui farà seguito lo spettacolo di Antonio Rezza e Flavia Mastrella, sempre nel Massimo alle 21 ma il giorno successivo.

Lunedì 19 luglio, alle 21, ecco poi Vittorio Sgarbi con “Caravaggio”.

La rosa simbolo del festival, disegnata da Franco Battiato, sarà reinterpretata da Marco Lodola come scultura luminosa e collocata nei giardini di corso Vittorio Emanuele, martedì 20 luglio alle 18.

L’opera, Il progresso di Rosebud, donata dalla Fondazione Elisabetta Sgarbi, in alluminio zincato e led luminosi è alta 3 metri e sarà anche sonora. Nel momento in cui ci accenderà, spazio alla canzone “Il Ballo della Rosa” di Extraliscio, colonna sonora de La Milanesiana 2021.

Numerosi ospiti, protagonisti di eccezione arricchiscono il programma: da Michele Placido e Giovanni Caccamo fino a Gene Gnocchi e Dori Ghezzi con il dialogo su Fabrizio De Andrè.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X