Quantcast
facebook rss

San Benedetto festeggia
due illustri centenari:
auguri a Quartilia Taffoni
e Harry Shindler

TRAGUARDO - Sono la vedova del portiere rossoblù Pietro Cosignani ed il veterano inglese della seconda guerra mondiale insignito della cittadinanza onoraria
...

 

Un traguardo importante per Quartilia Taffoni, vedova del portiere rossoblù Pietro Cosignani, e Harry Shindler, veterano inglese della seconda guerra mondiale insignito della cittadinanza onoraria: hanno compiuto 100 anni e tutta la città di San Benedetto, sindaco Pasqualino Piunti in testa, hanno voluto condividere il momento.

Il sindaco Piunti regala un mazzo di fiori a Quartilia Taffoni

Per Quartilia Taffoni la ricorrenza è oggi, 22 luglio. Sambenedettese anche di nascita, quarta di cinque figli, ha sempre mostrato un carattere forte, volitivo e determinato. Sopravvissuta alla guerra ed ai bombardamenti, il 28 aprile 1946 si sposa con l’indimenticato portiere della Samb Pietro Cosignani. Nascono quattro figli, Emilia, Antonella, Antonio e Paola, quest’ultima moglie di Nicola Ripa, altra “bandiera” della Samb.
Ha sempre spronato i suoi figli a studiare e laurearsi ed è molto devota a Sant’Antonio di Padova: ogni anno, il 13 giugno, giornata dedicata al Santo, prende parte alle celebrazioni nella sua ex parrocchia. E’ stata ed è ancora, nella limitatezza della sua attuale condizione, una madre solerte e comprensiva, amante del mare, del sole e delle camminate a cui non rinuncia mai, neppure ora che ha cent’anni.

Harry Shindler

Il 17 luglio, invece, gli auguri del sindaco sono andati a Harry Shindler, cittadino inglese che risiede a San Benedetto dal 2006 e che dedica la sua vita a fare il “detective della memoria”, studiando e ricercando atti, articoli di giornale, documenti, qualsiasi cosa che possa servire a dare informazioni su persone e fatti della Guerra su cui è calato il silenzio. Risolvere i misteri della guerra e la ricerca di parenti scomparsi gli è valso il titolo de “il cacciatore dei ricordi”, quei ricordi che trasmette a migliaia di giovani parlando nelle scuole e in conferenze per mantenere viva la memoria degli eventi accaduti durante la Guerra e che ha trasfuso in due libri, “Roma ricorda i suoi liberatori” e “La mia guerra non è finita”.

A Harry Shindler è stata conferita nel 2012 la cittadinanza onoraria di San Benedetto “per aver dedicato la vita prima alla liberazione del nostro Paese dal giogo nazifascista, poi alla preziosa e instancabile opera di salvaguardia del ricordo di ciò che è accaduto e che non dovrà più accadere”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X