Quantcast
facebook rss

Tamberi è rientrato in Italia,
cori e applausi a Fiumicino
«Il simbolo della mia Olimpiade?
Il gesso» (Video)

GIMBO è arrivato all’aeroporto di Fiumicino attorno alle 20, con la medaglia più ambita al collo. Ad attenderlo, gli amici di sempre, i familiari e i compagni delle Fiamme Oro. Festoni e motivetti per celebrare l’impresa del campione olimpico del salto in alto. «Non avrei mai pensato di provare un’emozione del genere, in pista avevo il cuore che mi scoppiava. Dopo l’infortunio, l’oro vale mille volte di più»
...

Tamberi all’arrivo a Fiumicino

Cori, applausi e abbracci. E’ esplosa la festa all’aeroporto di Fiumicino all’arrivo, attorno alle 20, del campione olimpico Gimbo Tamberi, medaglia d’oro domenica nel salto in alto.

L’anconetano, partito da Tokyo con la ginnasta Vanessa Ferrari (medaglia d’argento), è stato celebrato da un cordone di amici, parenti e colleghi delle Fiamme Oro.

«Mai avrei creduto di provare un’emozione del genere – ha detto ai microfoni – mi sentivo il cuore esplodere in pedana, non avevo più il controllo del mio corpo. E’ stato un privilegio immenso poter provare una gioia simile, lo auguro a chiunque. Mi sento fortunato ad aver scritto una pagina di storia sportiva. Esserne il protagonista è qualcosa che mi riempie di gioia. Qual è il simbolo della mia Olimpiade? Il gesso, un oro olimpico è un oro olimpico, ma questo per me non significherebbe niente senza quel gesso. Il gesso vale mille ori olimpici».

Gimbo fu costretto a saltare l’Olimpiade di Rio De Janeiro, nel 2016, a causa di un infortunio alla caviglia sinistra. Il gesso, con su scritto “Road to Tokyo 202o”, è stato portato domenica sulla pista d’atletica. Un talismano per lui.  Nella sua bacheca manca solo un titolo: l’oro mondiale outdoor. Appuntamento a Eugene nel 2022.

Il gesso portato in pista

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X