Quantcast
facebook rss

Il calcio marchigiano riparte
Il presidente Ivo Panichi:
«Movimento forte e in salute»

CALCIO DILETTANTI - Il numero uno del Comitato regionale della Lnd esprime la sua soddisfazione per le numerose adesioni alla prossima stagione sportiva. Numeri importanti per Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria, mentre resta da definire il futuro di Terza Categoria e serie C2 del calcio a 5
...

di Federico Ameli

 

Dopo un anno e mezzo di stop bruscamente imposto dall’emergenza sanitaria ancora in corso, i dilettanti del pallone marchigiano si preparano a scendere di nuovo in campo.

Ivo Panichi

Negli ultimi giorni, infatti, gran parte delle società del calcio nostrano aventi diritto ha risposto presente all’appello del presidente del comitato regionale Marche della Lega nazionale dilettanti, l’ascolano Ivo Panichi, con un’adesione generale che lascia decisamente ben sperare per la ripresa dell’attiva sportiva.

In base a quanto riportato dalla Figc marchigiana, il prossimo campionato di Eccellenza vedrà 17 squadre ai blocchi di partenza; 36, invece, le formazioni che prenderanno parte ai due gironi di Promozione, con 63 società iscritte in Prima categoria, 123 in Seconda e 51 settori giovanili che hanno dato la propria disponibilità alla Juniores, per chiudere così il cerchio sul calcio regionale marchigiano. Numeri importanti per un settore che negli ultimi mesi ha conosciuto una crisi senza precedenti e che ora conta finalmente di poter ripartire a pieno regime.

«Abbiamo registrato un risultato di iscritte davvero molto interessante – conferma Panichi – c’è stata anche qualche nuova affiliazione, quindi credo proprio che potremo rimanere con gli organici tradizionali.

Considerando che il Covid continua ad essere purtroppo parte della nostra vita, con tutte le grandi difficoltà e problematiche che ne conseguono, siamo davvero tutti felici».

Con i giochi sostanzialmente fatti a livello regionale, resta ora da definire il futuro dei campionati provinciali, a partire dall’affollatissima Terza categoria, con le iscrizioni che resteranno aperte fino a venerdì 27 agosto. Ancora in bilico, invece, il futuro del calcio a 5 marchigiano, con il campionato di serie C2 che per ora non ha raccolto un numero sufficiente di adesioni. I termini per la presentazione delle domande di ammissione sono stati dunque prorogati a venerdì 6 agosto, ma servirà ancora qualche giorno di pazienza per conoscere quale formula verrà eventualmente adottata per la regolare ripresa della stagione.

Nel frattempo, un’altra buona notizia arriva sul fronte amministrativo. «Abbiamo ricevuto e completato positivamente l’ispezione e le verifiche amministrative del caso da parte del Siva (Servizio ispettivo verifiche amministrative della Lega nazionale dilettanti) – annuncia Panichi – è andato tutto bene, non sono stati fatti rilievi e anche di questo siamo estremamente soddisfatti».

La speranza ora è che la stagione sportiva 2021/2022 si confermi quella della ripartenza, obiettivo dichiarato anche per lo scorso anno e poi raggiunto – non senza fatica – solo dalle società iscritte al campionato di Eccellenza.

Tra vaccini e green pass, però, stavolta per i dilettanti sembra davvero aprirsi qualche significativo spiraglio di normalità, con dirigenti e tesserati che comprensibilmente non vedono l’ora di tornare a trascorrere qualche ora del fine settimana in compagnia dell’amato pallone.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X