Quantcast
facebook rss

Ospedale “Mazzoni”, raddoppiate
le ore di servizio al cappellano:
tante le richieste di conforto religioso

ASCOLI - Accolta la seconda richiesta di don Francesco Simeone che da settembre prossimo sarà presente in ospedale per 36 ore. Le 18 ore erano passate a 25 già a maggio 2020. Centrale anche il ruolo del religioso per facilitare i collegamenti tra pazienti e famiglie durante la pandemia 
...

Don Francesco Simeone

 

La pandemia ha rappresentato un momento difficile per i ricoverati, non solo Covid, nelle strutture sanitarie. L’impossibilità di ricevere visite dei familiari per oltre un anno e mezzo (è di nuovo possibile dal.. ma con precise regole) ha aggiunto alla malattia il dolore della solitudine e della paura.

Unico conforto all’ospedale “Mazzoni”, per molti, le parole del cappellano don Francesco Simeone e le sue celebrazioni, quando possibili. Il sacerdote inoltre, durante l’emergenza, ha rappresentato un punto di riferimento anche per i parenti dei pazienti.

Ben presto infatti le 18 ore per cui il religioso era stato assunto, con contratto co.co.co a tempo determinato in ragione di una convenzione nel 2019 con la Curia vescovile di Ascoli, si sono rivelate insufficienti a soddisfare tutte le richieste, di pazienti e familiari.

Già a maggio 2020, la direzione di Area Vasta 5 ha allargato il contratto a 25 ore settimanali che diventeranno 36 dall’ 1 settembre prossimo. 
La domanda è stata fatta da don Simeone “al fine di poter garantire in ogni momento della giornata le numerose richieste di intervento presso i vari reparti e servizi ospedalieri, camera mortuaria, gestione delle visite e parenti nella fase terminale, dei pazienti ricoverati e, in questo momento di emergenza sanitaria, impegnato anche nel facilitare i collegamenti tra i pazienti ricoverati con le loro famiglie”.

Don Simeone aveva avanzato la richiesta, per 38 ore ma accolta per 36, ottenendo il parere favorevole del dottor Giancarlo Viviani, direttore del presidio unico ospedaliero, anche in base ai parametri regionali per posti letto.

m.n.g.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X