Quantcast
facebook rss

Samb, Renzi esce di scena:
respinto il ricorso al Tar

CALCIO - L'immobiliarista romano deve decidere se proseguire la sua battaglia per la serie C al Consiglio di Stato la cui udienza è fissata per il prossimo 26 agosto. Oggi alle 12 scade il termine per la presentazione delle manifestazioni di interesse dei gruppi che intendono fare ripartire i colori rossoblù in sovrannumero in serie D
...

Bocciato il ricorso al Tar del Lazio. La Samb di Renzi definitivamente fuori dalla serie C. L’immobiliarista romano deve decidere se proseguire la sua battaglia al Consiglio di Stato la cui udienza è fissata per il prossimo 26 agosto.

Patron Renzi

“Anche se l’ordinamento – spiega nel dispositivo il giudice Francesco Arzillo – ammette in questa materia la compensazione cosiddetta “orizzontale”, rimane fermo che “è escluso l’utilizzo in compensazione di crediti dell’accollante” (comma 2) e “(i) versamenti in violazione del comma 2 si considerano come non avvenuti a tutti gli effetti di legge” (comma 3): criterio questo, applicabile per evidente identità di ratio anche ai debiti contributivi; che l’inammissibilità di tale modalità di estinzione dei debiti contributivi è stata confermata dall’Inps».

Nella sentenza vengono elencate tutte le tappe della vicenda, fin da quando la Covisoc aveva formulato le richieste alla A.S. Sambenedettese proprio relativamente al pagamento dei contributi (16 giugno), poi l’arrivo della comunicazione relativamente alla “impossibilità di considerare rituale l’assolvimento dei debiti contributivi oggetto della corrispondenza ai fini della disciplina federale la quale non può di certo porsi in conflitto con il diritto comune” (22 giugno) e, infine, la verifica del termine per gli adempimenti previsti dal Sistema delle Licenze Nazionali (28 giugno). A quella data “la società ricorrente non risulta né avere assolto al debito, né avere depositato atti di transazione e/o rateazione del debito, provenienti dall’ente creditore e dai quali possa evincersi una regolarizzazione della posizione contributiva”.

Oggi alle ore 12 scade il termine per la presentazione delle manifestazioni di interesse dei gruppi che intendono fare ripartire i colori rossoblù in sovrannumero in serie D. Poi si riunirà la Commissione indicata dal sindaco Piunti che deciderà a chi affidare il titolo sportivo della città. L’aggiudicatario dovrà presentare entro martedì prossimo in Figc i 350.000 euro a fondo perduto più le tasse previste per l’ iscrizione al prossimo campionato di serie D che prenderà il via il 19 settembre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X