Quantcast
facebook rss

Samb, fase di stallo
che pregiudica il futuro
del calcio a San Benedetto
Il 6 settembre nuovo ricorso
al Tar di Renzi

SERIE D - Una impasse che getta nello sconforto una tifoseria già provata dalla cancellazione dal calcio professionistico. Tutto fermo per quanto riguarda il profilo squisitamente tecnico
...

 

di Benedetto Marinangeli

 

Una complicata situazione di stallo. E’ ciò che sta vivendo il calcio rossoblù. La presentazione dell’ ennesimo ricorso al Tar per “motivi aggiuntivi”, presentato da Roberto Renzi che chiede l’ammissione in Serie D della sua A.S. Sambenedettese bocciata dagli organi di giustizia sportiva e amministrativa potrebbe determinare un ulteriore impasse  nella già lunga e estenuante estate rossoblù.

Porchia e Donati con il patron Renzi: ormai è un’immagine del passato rossoblù

Lunedì prossimo 30 agosto la Commissione della Figc sarà chiamata a decidere sull’ammissione della SSD Sambenedettese 1923 di Manolo Bucci che ha nella moglie Antonella Pennacchi l’amministratore unico. L’esame delle certificazioni presentate dall’ imprenditore romano verrà effettuato ma difficilmente ci sarà una risposta perché si dovrà attendere quello che dirà il Tar del Lazio sul ricorso presentato da Renzi che sarà discusso il 6 settembre.

E quindi in una situazione di questo genere, anche la Lnd con ogni probabilità si troverà costretta a rinviare la composizione dei gironi e la formulazione dei calendari anche perché potrebbe esserci il rischio che due Samb possano partecipare al prossimo campionato di Serie D. E quindi l’udienza del 6 settembre dinanzi Tribunale Amministrativo del Lazio sarà fondamentale per avere un quadro chiaro di tutta la questione. La Lnd potrebbe anche decidere, quindi di posticipare l’inizio del torneo in programma per il 19 settembre.

Manolo Bucci

Insomma uno stallo che rischia anche di pregiudicare la costruzione della nuova squadra. Manolo Bucci ha individuato in Danilo Pagni il diesse ma il dirigente ex Taranto, Ternana e Salernitana è impossibilitato a muoversi. Stesso discorso per Renzi che vede il tecnico Massimo Donati tornare a fare il commentatore su Dazn, e con Sandro Porchia che si è liberato del contratto che lo legava al club dell’immobiliarista romano. Allo stesso tempo, però, Renzi cerca di rientrare nel calcio dopo avere tirato fuori oltre un milione e trecentomila euro e si sta giocando le sue ultime chance.

In questa situazione i tifosi rossoblù restano interdetti per un futuro che è ancora molto nebuloso. Alla delusione per l’ennesima cancellazione dal calcio professionistico si somma lo sconforto per tutto ciò che è accaduto. Un futuro che è ancora ben lontano dall’essere definito. In un senso o nell’altro.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X