Quantcast
facebook rss

“Risorgimarche”
ricorda Lanciotti:
«Marco sarà per sempre
la nostra poesia»

PRIMA del concerto di Luca Aquino a Muccia, Giambattista Tofoni ha ricordato, con un messaggio del direttore Vito Verdecchia, il presidente dei "Giovani Lab" della Banca di Ripatransone e del Fermano prematuramente scomparso nel 2019
...

 

Ieri, domenica 29 agosto, prima del concerto di Luca Aquino che si è svolto a Muccia, “RisorgiMarche” ha ricordato la figura del presidente dei “Giovani Lab” della Banca di Ripatransone e del Fermano, Marco Lanciotti, prematuramente scomparso il 6 dicembre 2019.

Giambattista Tofoni ha letto ai numerosi partecipanti un messaggio del direttore della Banca di Ripatransone e del Fermano, Vito Verdecchia, in cui a Marco viene dedicata “Non tutti hanno cieli abitati”. Una composizione in cui l’autrice, Anna Achmatova, sostiene che la poesia può provare a ridurre la distanza tra cielo e terra, ad attenuare l’eco dell’assenza, a lenire le ferite.

«Secondo un noto critico e poeta John Berger – scrive il direttore Verdecchia – ogni poema autentico contribuisce all’impresa della poesia, di rimettere insieme ciò che la vita ha separato o la violenza ha fatto a pezzi. La poesia può sfidare lo spazio che separa e lo fa rimettendo insieme ciò che è stato separato. La poesia parla alla ferita aperta. La poesia può parlare di immortalità perché abbraccia ogni sequenza passata, presente e futura. Oggi e non solo , ma per sempre, la nostra poesia è Marco,   il suo sorriso che possiamo sentire attraverso le persone a lui care, la musica, questi prati, il vento, le montagne».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X