Quantcast
facebook rss

«Formazione per favorire il lavoro
nelle aree di crisi», il plauso
di Marcozzi e Pasqui ad Aguzzi

LAVORO - I due esponenti FI: «La formazione è condizione imprescindibile per favorire il lavoro. E i corsi, rivolti sia a soggetti occupati che inoccupati tra i 18 e i 64 anni prevedono infatti stage formativi in azienda»
...

«In una fase cruciale per la nostra regione, per le aree di crisi, per i distretti, in cui la forza dei nostri imprenditori ci sta spingendo verso una seppur non facile rinascita, l’amministrazione regionale con l’assessore Stefano Aguzzi si fa trovare presente: 400.000 euro di risorse dal Fondo Sociale Europeo per corsi di formazione riservate all’area di crisi industriale complessa del Distretto delle pelli e calzaturiero del Fermano e del Maceratese».

E’ il plauso della Capogruppo regionale FI, Jessica Marcozzi, e del vicepresidente dell’Assemblea legislativa delle Marche, il consigliere Gianluca Pasqui all’assessore Aguzzi «che – specificano i due esponenti azzurri – sta centrando gli obiettivi a partire dalla canalizzazione della formazione con il sostegno diretto delle imprese. Questo, infatti, la buona politica, oggi più che mai, deve fare: interazione virtuosa con l’imprenditoria a tutti i livelli, vero motore e spinta propulsiva per le Marche senza dimenticare, ovviamente, l’ambito occupazionale.

La formazione è condizione imprescindibile per favorire il lavoro. E i corsi, rivolti sia a soggetti occupati che inoccupati tra i 18 e i 64 anni prevedono infatti stage formativi in azienda.

Questo consentirà di annullare le distanze tra domanda e offerta di lavoro favorendo la creazione di profili professionali di alto livello creando nuovi posti di lavoro per un innalzamento qualitativo della rete imprenditoriale marchigiana, soprattutto sistema socio-economico dell’area di crisi industriale complessa senza disperdere risorse e fondi dando una risposta concreta e immediata alle esigenze degli imprenditori, dei lavoratori e di coloro che sono in cerca di occupazione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X