Quantcast
facebook rss

Porto d’Ascoli, immeritata
sconfitta (1-0) sul campo
della capolista Trastevere

SERIE D - La squadra di mister Ciampelli ha avuto diverse occasioni, sia sullo 0-0 che dopo il gol subìto al 32' del primo tempo. Nel finale tensione e nervosismo causato dall'allenatore di casa. Rivieraschi in credito con la fortuna, ma restano comunque in una buona posizione di classifica dopo la terza sconfitta stagionale
...

 

 

Il concitato finale al “Trastevere Stadium”

Arriva con la capolista Trastevere, dopo quelle con Chieti e Montegiorgio, la terza sconfitta stagionale per il Porto d’Ascoli che perde di misura (1-0) a Roma, ma resta comunque in una buona posizione di classifica nel girone F della Serie D.

Sconfitta immeritata per la squadra di Ciampelli che ha avuto buone occasioni prima per portarsi in vantaggio e poi, dopo il gol subìto al 32’pt, per riequilibrare le sorti del match.

Al “Trastevere Stadium” di Roma, dopo nove minuti, è subito Porto d’Ascoli. Verdesi ruba palla a Lo Porto, avanza e centra in area per Rossi che fallisce calciando sul fondo. La risposta della capolista è immediata e al 13′ è bravo Petrini di testa ad anticipare Monni pronto a battere a rete da distanza ravvicinata.

Ancora un brivido per il Trastevere al 23′ su un calcio piazzato da fuori area di Napolano che esce fuori di poco. Il bomber rivierasco ci riprova al 30′, ma è reattivo Semprini che devia in angolo. Dalla battuta dalla bandierina nasce un’altra occasione: Passalacqua tenta la rovesciata ma non è fortunato. Al 32′ l’azione che sblocca il risultato: cross di Crescenzo per Lapenna che serve Proia il quale infila Testa per l’1-0.

Nella ripresa al 13′ gol annullato a D’Alessandro per fuorigioco di Sensi. Al 23′ Battista non arriva per un soffio sulla palla che avrebbe deviato ale spalle del portiere. Al 41′ su azione d’angolo Passalacqua salta più in alto di tutti ma non fortunato: palla fuori di poco. Al 45′ centro di Pasqualini e girata di Clerici, da poco in campo, ma non è proprio giornata.

Dopo il triplice fischio ci sono da registrare alcuni attimi di tensione a bordo campo tra le due panchine. A rendersi protagonista in negativo nell’occasione è il tecnico di casa Mazza, che aggredisce calciatori e staff e tecnico e Porto d’Ascoli. Si conclude con questo condannabile episodio e un po’ di nervosismo un pomeriggio che ha mostrato ancora una volta come i biancocelesti possano giocarsela alla pari su qualsiasi campo, anche contro le compagini più attrezzate del campionato.

 

TRASTEVERE (4-3-3): Semprini; Cervoni, Lo Porto, Calderoni (29’st Madeddu), Tarantino, Giordani, Lapenna, Crescenzo, Monni, Proia, Squerzanti. A disposizione: D’Alessandro, Ilari, Agresti, Di Rauso, Santilli, Chimenti, Bay, Corsetti. Allenatore: Mazza

PORTO D’ASCOLI (4-3-3): Testa (31’st Finori); Petrini, Sensi, Passalacqua, Pasqualini; D’Alessandro (19’st Battista), Rossi (42’st Clerici), Evangelisti; Verdesi (42’st Shiba), Napolano, Monachesi (19’st Nociaro). A disposizione: Aliffi, Massi, Pietropaolo, Sabatini. Allenatore: Ciampelli

Arbitro: Gianquinto di Parma (assistenti Gentile di Teramo e De Santis di Avezzano)

Reti: 32’pt Proia

Note: ammoniti Monni (T) e Passalacqua (P) per gioco falloso. Recupero 0’+5′

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X