Quantcast
facebook rss

Cna Picena e super green pass:
«Più attenzione nei luoghi di lavoro,
non lasciamo sole le imprese»

PICENO - Antonio Scipioni presidente Cna Ristoratori: «Ci aspettiamo una mirata campagna di sostegno economico e controllo anche in altri settori». Katia Stracci del direttivo: «Uno strumento che a differenza dello scorso anno consentirà alle attività di restare aperte sotto le feste». Arianna Trillini e Francesco Balloni: «Questa nuova misura deve risultare funzionale anche al rilancio della campagna vaccinale»
...

Katia Stracci e Antonio Scipioni di Cna Ristoratori

 

Nel tentativo di contenere la nuova ondata di contagi da coronavirus, il Consiglio dei Ministri ha varato una serie di provvedimenti volti a scongiurare il rischio di eventuali chiusure in un periodo cruciale per le attività economiche, quello delle festività natalizie.

Tra le principali novità normative che, in vista del Natale, a partire da lunedì 6 dicembre entreranno in vigore, anche nel Piceno spicca l’introduzione di un certificato verde rafforzato, il cosiddetto “super green pass” riservato a vaccinati e a guariti dal covid, oltre a nuove limitazioni previste per chi invece non si è ancora sottoposto alla vaccinazione.

In un momento storico determinante per la ripartenza dell’economia locale dopo le gravi difficoltà degli ultimi mesi, la Cna Picena (Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa), esprime grande soddisfazione per la scelta del Governo di promuovere una misura che, oltre a offrire maggiori garanzie in termini di sicurezza e dare ulteriore slancio alla macchina vaccinale, contribuirà a tutelare il lavoro quotidiano di centinaia di imprenditori e aziende anche nel nostro territorio.

«Di fronte all’eventualità di nuove chiusure dovute all’aumento dei casi e alle nuove varianti – dice Katia Stracci, componente del direttivo della Cna Picena Ristoratori – da addetta ai lavori accolgo con favore l’introduzione del super green pass, uno strumento che a differenza dello scorso anno consentirà alle attività di restare aperte sotto le feste».

Arianna Trillini e Francesco Balloni

Tra i diversi provvedimenti messi in campo per contrastare la diffusione dei contagi, il nuovo decreto legge limiterà anche in zona bianca l’accesso a tutte quelle attività che in zona gialla sarebbero oggetto di restrizioni – eventi sportivi, spettacoli, bar e ristoranti al chiuso, feste e discoteche – ai soli possessori del nuovo green pass rafforzato.

«Gli imprenditori faranno la loro parte – le parole di Antonio Scipioni, presidente della Cna Picena Ristoratori – per applicare quanto previsto del Governo, ma da parte delle istituzioni ci aspettiamo una mirata campagna di sostegno economico e controllo anche in altri settori – come quello dei trasporti – per non lasciare sole le imprese e non vanificare i sacrifici degli ultimi mesi».

«Questa nuova misura – aggiungono il direttore della Cna Picena Francesco Balloni e la presidente Arianna Trillini – deve risultare funzionale a un contenimento dei numeri a tratti impietosi di questi ultimi giorni e al rilancio della campagna vaccinale, nell’ottica di una maggiore prudenza anche sui posti di lavoro. D’altra parte, riproporre le chiusure dello scorso anno significherebbe andare incontro a gravi ripercussioni dal punto di vista economico in un momento fondamentale per la ripartenza delle attività».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X