Quantcast
facebook rss

San Benedetto
piange la scomparsa
di Giuseppe Napoliello

LUTTO - La scomparsa di un personaggio tanto caro alla città, che amava la città dove aveva trascorso la giovinezza, ha incontrato quella che sarebbe poi diventata la moglie. Commercialista di fama internazionale, giudice tributario, capitano d’industria nel settore della chimica, ha contribuito a far divenire l’Italia leader mondiale nel settore della produzione di alcuni fitofarmaci. Le parole del sindaco Spazzafumo
...

 

Giuseppe Napoliello nel 2012 con il riconoscimento del “Gran Pavese Rossoblù”

E’ morto il dottor Giuseppe Napoliello. Una scomparsa che cala un velo di tristezza a San Benedetto, a poche ore dalla consegna dei riconoscimenti del “Gran Pavese Rossoblù”, un premio che Giuseppe Napoliello aveva avuto l’onore di ricevere nel 2012.

«Non era sambenedettese di nascita – dice il sindaco Antonio Spazzafumo – ma a San Benedetto ha trascorso gli anni della giovinezza, qui ha incontrato la sua adorata consorte, questo è stato da sempre il suo luogo del cuore.
Commercialista di fama internazionale, consulente dell’autorità giudiziaria e giudice tributario, è diventato uno dei capitani d’industria più affermati nel settore della chimica, contribuendo a far divenire l’Italia leader mondiale nel settore della produzione di alcuni fitofarmaci. E’ stato molto attivo in opere di beneficenza sostenendo una onlus che tutela bambini e adolescenti di diverse etnie. Determinante fu la sua donazione che servì a salvare dall’attacco del punteruolo rosso i palmizi del centro della città. Nel 2012, per tutto quello che aveva fatto, fu insignito del “Gran Pavese Rossoblù”. San Benedetto – conclude il primo cittadino – città per la quale aveva un affetto sconfinato, perde un grande amico».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X