Quantcast
facebook rss

Sisto V e Pericle Fazzini:
si apre la mostra
nel giorno del 5° centenario
della nascita del Papa piceno

MONTALTO MARCHE - Nel giorno del 5° centenario della nascita del Papa piceno, inaugurata la mostra "Sisto V e Pericle Fazzini Gloria e Memoria". Presenti Vittorio Sgarbi, l'assessore regionale alla cultura Giorgia Latini e il sindaco Daniel Matricardi. E' visitabile fino al 30 giugno 2022
...

Vittorio Sgarbi davanti a un’opera di Pericle Fazzini

In occasione delle celebrazioni per il quinto centenario dalla nascita di Papa Sisto V, la Regione Marche e il Comune di Montalto delle Marche – in collaborazione con la Fondazione Pericle Fazzini e il Comune di Grottammare e il patrocinio del Pontificio Consiglio della Cultura e il Ministero della Cultura – hanno presentato oggi a Palazzo Paradisi di Montalto Marche la mostra “Sisto V e Pericle Fazzini Gloria e Memoria” che resterà aperta fino al 30 giugno 2022.

E’ nata da un’idea di Vittorio Sgarbi e Daniela Tisi e si avvale di un illustre comitato di studio. Racconta due figure – un Papa visionario e uno dei maggiori scultori italiani del Novecento – apparentemente distanti tra loro ma con tanti aspetti in comune. Nascono entrambi a Grottammare – Sisto V nel 1521, Fazzini nel 1913 – entrambi operano a Roma ma non abbandonano mai le loro radici e l’amore per la terra natale. E si dimostrano molto legati al borgo di Montalto Marche – sede principale della mostra – città d’origine della famiglia di Sisto V, che lui stesso definì “patria carissima”, e per cui Fazzini realizzò una delle sue ultime sculture, proprio dedicata al Pontefice.

E’ stata inaugurata oggi, 13 dicembre, giorno in cui 500 anni fa nacque Felice Peretti, quel papa Sisto V che nel seppur breve pontificato (1585-1590) diede un forte impulso alle arti e alle opere pubbliche tanto da essere definito l’Urbanista di Dio, non solo a Roma ma anche in altre città marchigiane, come nel piccolo borgo di Montalto delle Marche che ancora oggi porta i segni del suo operato.

L’assessore alla cultura della Regione Marche Giorgia Latini: «Il percorso di vita di Papa Sisto V è unico, riconosciuto dalla Regione Marche come meritevole di un apposito intervento legislativo. Celebrarlo serve anche a tramandare alle nuove generazioni che i marchigiani sanno essere determinanti per la storia del nostro Paese».

Il sindaco di Montalto Daniel Matricardi: «E’ emozionante che in questa mostra Papa Sisto V e Pericle Fazzini si trovino di nuovo insieme, a tenere vivo quel connubio suggellato a Montalto nel 1986, anno in cui venne inaugurato il monumento di Pericle Fazzini a Sisto V. Ringrazio la Regione e Vittorio Sgarbi per aver messo la sua conoscenza ed esperienza a disposizione di questo progetto, Daniela Tisi per l’impegno e la dedizione nella cura dell’esposizione e tutti coloro che hanno contributo a vario titolo alla realizzazione».

Vittorio Sgarbi: «L’idea di collegare Sisto V a Pericle Fazzini è legata a un’occasione anch’essa celebrativa e cioè il monumento dedicato a Sisto V, l’ultima opera marchigiana realizzata da Fazzini, di invenzione aerea, concepita da un artista che ha voluto rappresentare l’anima del Papa più che la sua opera e quindi appartiene ad un momento e ad un’epoca, parliamo del 1986, in cui la grande stagione di Fazzini era al suo culmine. Lentamente poi, questa personalità, che era stata così emergente anche per essere collegata a importanti personalità dell’arte e della poesia del ‘900 come Ungaretti, a cui forse si deve il ritratto più significativo del poeta, sembra essere dimenticata».

 

Vittorio Sgarbi e, a destra, il sindaco Daniel Matricardi

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X