Quantcast
facebook rss

Paolo Tossici, bandiera
della CPP Amandola:
50 anni e non sentirli

TAGLIA oggi il traguardo uno dei “nonni” del calcio marchigiano, il veterano della Polisportiva Piandicontro, e non solo, compagno di squadra del figlio Tommaso nel campionato di Terza categoria
...

Paolo Tossici

 

di Andrea Ferretti

 

Compie oggi 50 anni Paolo Tossici di Amandola. Non è sicuramente un compleanno qualunque perché a tagliare il fatidico traguardo è un cinquantenne che ancora gioca al calcio e lo fa nella squadra del suo paese, la Polisportiva Piandicontro CPP Amandola che è anche l’unica realtà calcistica del centro ai piedi dei Sibillini. La CPP milita nel campionato di Terza categoria del comitato Figc di Ascoli e ogni volta deve sobbarcarsi lunghe trasferte ad Ascoli città, nella Vallata del Tronto, in altri centri del Fermano e addirittura a San Benedetto.

Paolo è la bandiera di questa squadre non potrebbe essere altrimenti vista l’esperienza accumulata sui campi di calcio in oltre quarant’anni di attività e… l’anagrafe che nelle Marche lo vede nei primissimi posti dei “nonni del calcio”. Non è davvero da tutti poter disputare un campionato federale nella stessa squadra dove gioca tuo figlio. Ma alla Polisportiva Piandicontro accade anche questo, con Tommaso, il figlio 19enne di Paolo, che di ruolo fa l’attaccante. In campo, alle sue spalle, quasi a proteggerlo ma pronto magari a fargli l’assist giusto c’è papà Paolo. Che all’occorrenza l’allenatore Nazzareno Marcantoni impiega anche come centrale difensivo. Insomma un jolly prezioso, come ormai non se ne trovano più nel calcio degli schemi, che ancora si diverte mettendosi a completa disposizione dei giovani compagni di squadra. Della CPP Paolo è anche il vice allenatore, ma questo diventa un dettaglio.

Nell’ultima gara, quella prenatalizia, la squadra amandolese ha pareggiato 0-0 in casa con il Campofilone, viaggia a metà di una classifica che vede in testa la Forcese e poi, via via, Mozzano City, Colli Sport Village, Vis Stella, Micio United (San Benedetto), Atletico San Beach, Appignano, Altidona, Borgo Solestà (Ascoli), Real Montalto, Croce di Casale, Campofilone e Carassai.

Paolo il recordman in passato ha vestito altre maglie, come quella del Monte San Martino, nel Maceratese, e quelle delle squadre del suo paese: A.S. Amandola e Virtus Amandola. Sposandone il progetto, è diventato la bandiera della Polisportiva Piandicontro CPP, realtà nata cinque anni fa che porta avanti gli storici colori amaranto che in un passato ormai lontano videro l’Amandola tra le più brillanti protagoniste del calcio dilettanti marchigiano. Paolo calciatore e vice allenatore, ma anche prezioso elemento di supporto ai dirigenti del club.

«Per noi – dice il presidente Paolo Palmieri – è un modello da imitare per impegno, dedizione e senso del dovere. Esperienza di un senatore e il fisico di un ragazzino: va apprezzata l’umiltà con cui affronta ogni situazione».

In questo giorno davvero speciale, a Paolo gli auguri da parte della sua squadra, della società e di tutti coloro che continuano ad apprezzare le sue qualità umane e sportive.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X