Quantcast
facebook rss

Incendio di Centobuchi,
altra giornata di lavoro
per i Vigili del fuoco (Foto e video)

MONTEPRANDONE - A prendere fuoco un'intera ala della "Italservizi". La struttura si trova a ridosso della ferrovia. In aiuto ai pompieri del Piceno, anche i colleghi di Macerata e Ancona. Un'ordinanza vieta il consumo di frutta e verdura entro due chilometri. Le operazioni di spegnimento dovrebbero andare avanti fino a stasera
...

AGGIORNAMENTO DELLE 10,40

Andranno avanti presumibilmente fino a stasera le operazioni di spegnimento del grande incendio divampato tra martedì e mercoledì alla “Italservizi” di Centobuchi.

I Vigili del fuoco sono alle prese col rogo da oltre 24 ore, e dopo avere lavorato tutta la notte in forze stanno per portare a termine la missione che li vede impegnati su una superficie di circa 1.500 metri quadrati, dove a bruciare sono stati alcuni dei rifiuti stoccati in un capannone della ditta, a ridosso della ferrovia. 

Sul campo sono impegnati autobotti e mezzi speciali e personale giunto in aiuto ai colleghi piceni da Fermo, Ancona e Macerata. 

*********************************************

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 19,20

L’incendio è sotto controllo, ma i Vigili del fuoco sono attesi da un’altra notte di lavoro per poter dire di averlo completamente domato. Intanto, su invito dell’Asur, è arrivata un’ordinanza che vieta il consumo di frutta e verdura entro due chilometri dall’incendio. L’ha firmata anche il sindaco di San Benedetto, Antonio Spazzafumo. Il divieto, nello specifico, è rivolto al consumo di prodotti ortofrutticoli coltivati e al pascolo di animali da reddito. E’ vietato anche lasciare animali da cortile liberi al di fuori delle stabulazioni chiuse ed è obbligatorio provvedere all’alimentazione degli animali con prodotti che non siano stati esposti all’area stessa.

**********************************************

Uno spaventoso incendio ha devastato, nella notte, un’intera ala del capannone della “Italservizi”, a Centobuchi di Monteprandone, azienda che si occupa dello smistamento dei rifiuti. Le fiamme si sono sviluppate poco dopo la mezzanotte all’interno della struttura, coinvolgendo le ecoballe e diversi mezzi, tra cui un compattatore, un escavatore ed una gru a ragno, per poi propagarsi anche all’esterno.

Solo il tempestivo intervento dei Vigili del fuoco ha evitato che l’intero complesso, di 11.000 metri quadrati, venisse investito.

Il fuoco è stato circoscritto in una superficie di circa 1.500 metri, dove i pompieri, del Comando provinciale di Ascoli e San Benedetto, coadiuvati dai colleghi partiti da Ancona e Macerata, hanno lavorato per tutta la notte e sono ancora sul luogo.

Quel che resta del capannone infatti sta ancora bruciando e il denso fumo nero continua a propagarsi nel territorio circostante.

Nessuna persona è rimasta coinvolta. L’incendio è sotto controllo. Stanno proseguendo le operazioni di smassamento del materiale per velocizzare le operazioni di spegnimento.

Paura anche per la tratta ferroviaria che corre a ridosso del capannone: un tratto è stato interdetto al transito per le tre corse previste tra le ore 5,30 e circa le 7, attivando autobus per i passeggeri, e sono in corso le verifiche da parte dei tecnici di Ferrovie, così come di quelli dell’Enel per accertarsi che le fiamme, altissime, non abbiamo lesionato i cavi elettrici che alimentano la rete ferroviaria.

Sul posto anche l’Arpam, i Carabinieri e la Polizia di Stato.

 

m.n.g.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X