Quantcast
facebook rss

Le elementari ripartono,
inaugurazione dopo il restyling

SPINETOLI - Il lavoro dopo i lavori da 300.000 euro voluti dal Comune. Tra gli interventi effettuati, adeguamento sismico e inserimento della ventilazione meccanica
...

Il taglio del nastro

I piccoli studenti delle elementari sono rientrati nella loro scuola, accolti da palloncini colorati, in un clima festoso. L’edificio è stato inaugurato ieri venerdì 7 gennaio dopo i lavori di adeguamento sismico, la sostituzione di porte e finestre, messa a norma antincendio, la verifica dello stato delle travi, la rimozione delle barriere architettoniche e l’inserimento della ventilazione meccanica in tutte le aule.

L’ingresso dei bimbi

Per un importo di circa 300.000 euro, completamente a carico del Comune.

«La sicurezza delle scuole è la priorità dell’Amministrazione che ogni giorno aggiunge un tassello in più all’ambizioso progetto – dichiara l’assessore Germana Gagliardi – . Per questo per noi è importante continuare a sentire il sostegno delle famiglie e il poter contare sulla collaborazione delle autorità scolastiche. In ricordo del varo, l’Amministrazione ha donato a ogni alunno una penna colorata a significare la volontà di scrivere insieme un futuro a colori per tutta la comunità».

«La verifica della vulnerabilità sismica su tutti gli edifici scolastici di Spinetoli, lo ribadisco di nuovo, l’abbiamo effettuata per la sicurezza dei nostri ragazzi e non è stata mai finanziata dallo Stato o dalla Regione -spiega il sindaco Alessandro Luciani-. Così come i lavori alla scuola primaria di Spinetoli, tutto a carico nostro. L’inaugurazione di oggi è un obiettivo che abbiamo raggiunto tutti insieme: Amministrazione, scuola, preside, collaboratori, bidelli, Ufficio tecnico e imprese. Questo è l’ennesimo intervento che abbiamo fatto a Spinetoli, dopo i lavori sui servizi e gli spazi, come il campetto appena riqualificato. La macchina comunale è in continuo movimento per cercare di andare incontro ai bisogni dei cittadini, a partire dai più piccoli a coloro che determineranno il futuro del paese».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X