Quantcast
facebook rss

Una mancata vittoria non significa sconfitta

ASCOLI mancata capitale italiana della cultura 2024. L’intervento di Gaetano Rinaldi, presidente della locale sezione di Italia Nostra. «Deve essere uno sprone e non motivo di vuote recriminazioni»
...

 

di Gaetano Rinaldi

 

(presidente sezione Ascoli di Italia Nostra)

 

E’ un sicuro titolo di merito per Ascoli il suo inserimento tra i finalisti pretendenti alla nomina di Capitale italiana della Cultura 2024. E d’altra parte non poteva essere diversamente, tenuto conto della indiscutibile validità del progetto elaborato dal gruppo di lavoro incaricato della progettazione. E certamente questa validità sarà confermata appena si potrà conoscere nel dettaglio gli aspetti caratterizzanti il progetto. Anche se alcuni elementi già conosciuti fanno presumere le caratteristiche innovative delle proposte formulate e delle iniziative programmate.

Gaetano Rinaldi

Si va dal titolo evocativo dato al progetto “La Cultura muove le montagne” all’idea innovativa del progetto “metromontano” che mira al coinvolgimento nella programmazione degli eventi di tutto il territorio Piceno dalla fascinosa Rivera della Palme al magico sistema collinare sino ai fantastici rilievi dell’area montana. E questa idea del progetto è stata ben compresa dalla comunità intera a partire da tutti i comuni del territorio, dal mondo imprenditoriale, da quello universitario e della scuola, sino alle associazioni culturali e di categoria che hanno assicurato la loro collaborazione.

Tutto ciò avrebbe sicuramente fatto sperare in un esito positivo della candidatura di Ascoli. Se ciò non è avvenuto non dobbiamo per questo ritenere che si sia trattato di uno scippo o di una scelta dissennata. Invece dobbiamo parlare serenamente di una mancata vittoria e non di una sconfitta, riconoscendo in pari tempo la validità innovativa del progetto presentato da Pesaro, che presenta indiscutibilmente elementi di novità particolarmente interessanti specie per la capacità di coinvolgimento emotivo della comunità e della riscoperta dei valori, delle tradizioni e dei pregi ambientali e naturalistici del territorio.

La mancata vittoria deve essere invece uno sprone non per vuote recriminazioni, bensì per  coinvolgere tutte le energie e le migliori professionalità del territorio per avviare un processo di  valorizzazione   di tutte le sue risorse culturali , interrompendo il drammatico processo di deprivazione demografica, economica e sociale che da tempo colpisce le aree interne del territorio ed in particolare gravità quelle montane ed avviare un processo  di riscoperta, rivitalizzazione, rigenerazione, rinascita, resilienza, ricostruzione e rinnovamento, abbandonando il metodo sostanzialmente sterile degli interventi di tipo puntuale ed episodico  da sostituire con quelli di tipo sistemico.

A tal fine si dovrà favorire l’ulteriore coinvolgimento di tutte le associazioni culturali e dei Comuni del territorio che hanno assicurato la loro adesione, con particolare attenzione per quelli delle aree interne e di quelle montane e terremotate. In questa prospettiva la nostra sezione di Italia Nostra conferma la piena disponibilità a fornire la propria collaborazione sulla base delle proposte già formulate tra cui quelle del progetto del Distretto o Sistema Culturale Territoriale delle Terre della Primavera Sacra e della Riviera del Palme e dei Dieci Parchi Culturali e Ambientali, tra cui quello dedicato ad Ascoli, Giardino di Pietra, individuati come moduli nel più ampio e complesso progetto del Distretto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X