Quantcast
facebook rss

Ordinanze Legnini, Borraccini: «L’adeguamento dei prezzi, tappa fondamentale per la ricostruzione»

ROTELLA -Il sindaco e vice presidente della Provincia di Ascoli commenta una delle misure adottate che vedono anche il finanziamento per il recupero del cimitero di Castel di Croce. Attesa, per la prossima settimana, la manovra per fronteggiare l'impennata dei costi delle materie prime 
...

Il cimitero di Castel di Croce

 

Sono tre le Ordinanze speciali approvate dalla Cabina di Coordinamento Sisma e firmate ieri, 13 aprile, dal Commissario Giovanni Legnini: una riguarda ingenti risorse da destinare a Force, per la chiesa di San Biagio, ed a Rotella, per il recupero del cimitero di Castel di Croce.

«Rappresentano misure importanti per i nostri territori, duramente colpiti dal terremoto del 2016 e che rischiavano di restare tagliati fuori dai grandi finanziamenti, relativamente ad alcune strutture come appunto il piccolo, ma storico, cimitero, gravemente danneggiato dalle scosse». Così commenta Giovanni Borraccini, Sindaco di Rotella e vice Presidente della Provincia di Ascoli con delega alla ricostruzione.

 

Ma la sua soddisfazione non si limita al finanziamento previsto dalla nuova ordinanza Legnini per il manufatto che insiste nel suo borgo. «Era stato previsto – spiega – un finanziamento per il cimitero di Castel di Croce, ma era del tutto inadeguato per la sua ricostruzione. Adesso, possiamo procedere in maniera spedita verso il suo completamento».

 

Il sindaco Borraccini

Un traguardo importante, che Borraccini vuole evidenziare – sarà tagliato nella prossima riunione della Cabina di Coordinamento: la rimodulazione del Prezzario da utilizzare come parametro per le domande di ricostruzione, volto a fronteggiare il notevole incremento dei costi delle materie prime.

«Questo è un argomento di fondamentale importanza per il futuro della ricostruzione, che sta subendo dei pesanti rallentamenti. L’aumento del prezzo delle materie prime, come effetto della pandemia da Covid seguita dalla mazzata della guerra in Ucraina, unito alla “concorrenza” dei cantieri per gli eco incentivi, stavano facendo collassare il sistema.

 

La ricostruzione post sisma sono ancora le parole del vice presidente della Provincia di Ascoliè , e resta cruciale per la sopravvivenza dei nostri territori, in particolare per quelli dell’entroterra, da dove in tanti se ne sono andati per via dei danni di cinque anni fa.

L’intento di tornare, alla fine, rischia di essere scoraggiato dalle lungaggini della ricostruzione che invece, negli ultimi tempi, dava incoraggianti segnali di ripartenza».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X