Quantcast
facebook rss

Pasqua a San Benedetto, tanta gente e le richieste degli esercenti: «Più eventi e parcheggi, meno Tari»

SAN BENEDETTO - Le richieste all'Amministrazione comunale dei titolari dei ristoranti, che fanno il punto della situazione con la prima Pasqua “libera” dopo due anni
...

Tanta gente nell’isola pedonale di Viale Secondo Moretti

 

di Giuseppe Di Marco

 

È stata una Pasqua – e anche una Pasquetta – di passeggiate, chiacchiere e moderati bagordi. Il centro di San Benedetto si è riempito sin dalle prime ore di oggi, lunedì 18 aprile, di gente in fila per acquistare pizze al taglio e gelati. O anche solo per gustarsi il bel sole di primavera.

A riscuotere un indubbio successo è stato anche lo “Street Food Festival”, organizzato in Viale Buozzi dall’associazione “Gente di Strada”. A centinaia si sono riversati nel tratto di strada fra la Rotonda Giorgini e l’inizio del Lungomare per godersi le tipicità della manifestazione.

I due giorni sono stati soddisfacenti anche per le casse dei ristoranti. Finita l’emergenza pandemica, però, gli esercenti tornano a sottolineare vecchi problemi che affliggono la riviera, la sua “industria dell’accoglienza” e il comparto del food, indotto che più di ogni altra attività ha successo sulla costa picena.

«C’è stato un bel movimento – dice Giuseppe Talamonti, titolare del “Papillon” e presidente Fiepet Confesercenti – dopo due anni abbiamo recuperato clienti storici e volti nuovi. Non possiamo fare previsioni per il 25 aprile e il primo maggio, ma abbiamo ricevuto tante prenotazioni per le cerimonie. In questa fase l’aspetto non molto considerato dal Comune è quello degli eventi, sia sportivi sua culturali – prosegue l’imprenditore – ad esempio, dopo tanti anni non abbiamo ancora una piscina all’aperto: se ci fosse quella diventeremmo un polo unico per il turismo».

Sul Lungomare, la fiducia nel futuro non diminuisce. «Il ristorante è andato bene – afferma Marco Calvaresi, titolare de “Il Pescatore” – si vede proprio che la gente ha molta voglia di uscire: si è quasi tornati alla normalità. Mi rendo conto che i Comuni hanno importanti problemi di bilancio, ma bisogna fare leva su qualcosa per favorire le attività: la tassa sui rifiuti potrebbe essere una di queste leve».

Nel Paese Alto, invece, regna maggiore scetticismo. «Qui con la Ztl non si può andare avanti – dice Sigismondo Gaetani della “Degusteria del Gigante” – a Pasqua abbiamo avuto un bel numero di visite, ma bisogna mettere i clienti in condizione di posteggiare nelle vicinanze. Il parcheggio delle scuole “Marchegiani” non è adeguatamente segnalato e, anzi, le indicazioni della zona a traffico limitato confondono le idee a chi cerca uno stallo auto».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X