Quantcast
facebook rss

La settima meraviglia del mondo antico tra le Cento Torri: signori, i “Giardini pensili di Babilonia”

ASCOLI - Sempre più numerose le rue del centro storico coperte da erbacce che spuntano dal terreno e pendono dai muri, anche di chiese e monumenti. Le segnalazioni (con foto) di chi ha “trasformato la mancanza di manutenzione in bellezza”. Monticelli al buio? Situazione risolta, per ora
...

 

di Andrea Ferretti

 

Nell’ultima puntata de “Lu Scorfena d’Ore” – l’originale provocatorio concorso che danni porta avanti in città l’associazione Ascoli Nostra, implacabile sentinella su situazioni di degrado e brutture in generale – Cronache Picene aveva segnalato anche alcune rue del centro storico dove proliferano erbacce che non vengono tagliate.

 

Sono quelle che spuntano ai lati del fondo stradale e quelle, ancor più rigogliose, che pendono dai muri. I residenti non segnalano i casi? Forse, ma quando le erbacce spuntavano ugualmente e venivano tagliate, nessuno segnalava nulla nessuno. A risolvere il problema ci pensava qualche addetto. La collaborazione dei cittadini è importante, ma non è nemmeno possibile che per questi interventi occorra una telefonata.

 

In alcune rue queste erbacce all’occhio di qualche turista ignaro possono essere scambiate anche per un tentativo di rievocare i “Giardini pensili di Babilonia”, una delle sette meraviglie del mondo antico. Ma così purtroppo non è. Non è infatti difficile, soprattutto di notte, imbattersi in ratti dalle fattezze simili a gatti e inoltre le erbacce favoriscono i proprietari di cani che, dopo il tramonto e al mattino presto (quando cioè non gira quasi nessuno) non usano il sacchetto e lasciano lì la “cacchina” dell’amato quattrozampe: celata e puzzolente.

 

A proposito di erbacce e dei “Giardini pensili di Babilonia”, erbacce (in questo caso fiorite) proliferano su tetti e facciate di chiese e monumenti di Ascoli. In passato ricordiamo anche dei piccoli alberi. E’ così che un altro nostro lettre ci segnala, corredandole con foto molto eloquenti (vedi in fondo al testo) quelle che lui stesso definisce «bellezze nascoste nel travertino di Ascoli». Poi, quasi ad evitare che qualcuno possa prendere sul serio la sua battuta, precisa: «In verità, da vecchio ascolano doc, ho cercato solo di nascondere la mancanza di manutenzione in bellezza».

 

Davvero un ottimo lavoro. Ma siamo di fronte all’ennesimo caso di impantanamento burocratico? O di mancanza di fondi? O di personale che scarseggia? O di semplice menefreghismo? In attesa di scoprirlo, resta il problema della manutenzione urbana che in questo settore ad Ascoli è assolutamente deficitaria.

 

Restando in tema di deficit, sempre grazie alla fedele collaborazione di chi segue Cronache Picene, avevamo portato alla luce (si fa per dire) il problema dell’illuminazione pubblica che da giorni non funzionava più a Monticelli, nella zona di Largo dei Fiordalisi e Largo delle Begonie. E’ sicuramente frutto del caso, ma qualche ora dopo la segnalazione, al primo tramonto le luci si sono magicamente riaccese. Meglio.

 

FOTOGALLERY

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X