Quantcast
Fratelli d'Italia
facebook rss

Un incrocio fatto con le “toppe”

SAN BENEDETTO - Sono decine quelle sistemate sull'asfalto tra Via Conquiste e Via Bernini. Traffico intenso, urge un nuovo strato di asfalto
...
di Epifanio Pierantozzi
A San Benedetto siamo passati da un’Amministrazione che aveva come slogan “Non fare nulla, non sbagli”, a questa che ha scelto “Un rattoppo non si nega a nessuno”. Certo, nessuna nostalgia del sindaco “diminutivo” (Piunti), ma il nuovo è passato dall’entusiasmo iniziale alle più pratiche… toppe di asfalto.
Le foto testimoniano la situazione al Paese Alto, all’incrocio tra Via Conquiste e Via Bernini. Da sempre un incrocio trafficato – sia da chi va o viene dal cimitero, che da chi sceglie Via Bernini per andare verso nord senza scendere sulla Statale – ha un manto stradale ormai datato. Detto che quest’Amministrazione ha ereditato un asfalto già usurato e rattoppato di suo, ora che almeno si butta un occhio sue buche (ad aggravare il tutto sta provvedendo la ditta che posa i tombini per la fibra ottica e provvede alle sue “toppe”), la situazione di precarietà si è aggravata.
Non abbiamo contato le “toppe” nuove o antiche all’incrocio tra Via Conquiste e Via Bernini, ma il loro numero a metro quadro fa riflettere: un nuovo asfalto forse sarebbe costato di meno. La scelta dell’asfalto nuovo viene di solito fatta solo a ridosso delle elezioni. Ecco allora che toccherà aspettare qualche anno. Sempre ammesso che nelle casse comunali restino fondi per stendere un asfalto nuovo.
Da sempre ci sono altre priorità su cui intervenire e investire, ma per una volta tanto intervenire anche in questo caso non sarebbe una cattiva idea. Anche perché si tratta di un incrocio sicuramente più trafficato di tante vie del centro. Lì dove la mano dell’Amministrazione si avverte, con un nuovo asfalto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X